9. Configurazione QGIS

QGIS è altamente configurabile. Tramite il menu Impostazioni, fornisce diversi strumenti per:

  • styleManager Gestore Stile…: crea e gestisce symbols, styles and color ramps.

  • customProjection Proiezione personalizzata…: crea il tuo coordinate reference systems.

  • keyboardShortcuts Scociatoie da Tastiera…: defininisce il tuo set di keyboard shortcuts. Inoltre le stesse possono essere sovrascritte nel corso di ogni sessione QGIS dalle project properties (accessibili nel menu Project).

  • interfaceCustomization Personalizzazione interfaccia…: configura application interface, nascondendo finestre di dialogo o strumenti di cui non hai bisogno.

  • options Opzioni…: impostazioni globali options da applicare in diverse aree del software. Queste preferenze vengono salvate nelle impostazioni del profilo attivo User profile e applicate di default ogni volta che si apre un nuovo progetto con questo profilo.

9.1. Opzioni

options Alcune opzioni di base per QGIS possono essere impostate nella finestra di dialogo Opzioni. Seleziona l’opzione del menu Impostazioni ► options Opzioni. Puoi modificare le opzioni in accordo alle tue necessità. Alcune delle modifiche potrebbero richiedere il riavvio di QGIS prima di diventare effettive.

Le schede in cui puoi personalizzare le tue opzioni sono descritte di seguito.

Nota

I plugin possono gestire proprie impostazioni nella finestra di dialogo Opzioni

Mentre solo le impostazioni di base sono presentate di seguito, si noti che questa lista può essere estesa da installed plugins implementando proprie opzioni nella finestra di dialogo Opzioni standard. Questo evita che ogni plugin abbia la propria finestra di dialogo di configurazione con voci di menu extra solo per loro…..

9.1.1. Impostazioni generali

Definizioni sostitutive nazionali

Per impostazione predefinita, QGIS si basa sulla configurazione del tuo sistema operativo per impostare la lingua e manipolare i valori numerici. L’abilitazione di questo gruppo ti permette di personalizzare il comportamento.

  • Seleziona in Traduzione interfaccia utente la lingua da applicare alla GUI

  • Seleziona in Localizzazione (formato per numeri, data e valuta) il formato di immissione e visualizzazione dei valori numerici e dellle date

  • checkbox Mostra separatore delle migliaia

Nella parte inferiore della scheda viene visualizzato un riepilogo delle impostazioni selezionate e della loro riproduzione.

Applicazione

  • Seleziona lo Stile (Riavvio di QGIS necessario) ad esempio come i widget appaiono e si posizionano nelle finestre di dialogo. I valori possibili dipendono dal sistema operativo.

  • Definisci il tema UI (Riavvio di QGIS necessario) selectString. Può essere “default”, “Night Mapping”, o “Blend of Gray”.

  • Definisci la Dimensione delle icone selectString

  • Definisci il Carattere e la sua Dimensione. Il font può essere radioButtonOn Qt predefinito o uno definito dall’utente

  • Cambia il Timeout per messaggi o dialoghi a tempo.

  • unchecked Nascondi schermata iniziale all’avvio

  • checkbox Mostra il feed di notizie QGIS sulla pagina di benvenuto: ti mostra un feed di notizie aggiornate su QGIS nella pagina di benvenuto, dandoti un modo diretto per essere a conoscenza delle notizie del progetto (data e sommario degli incontri utente/sviluppatore, sondaggi della comunità, annunci di rilascio, suggerimenti vari…)

  • checkbox Controlla la versione QGIS all’avvio per tenerti informato se è stata rilasciata una versione più recente

  • unchecked Utilizza le finestre di dialogo per la scelta dei colori nativi (vedi Scelta colore)

  • unchecked Finestra non modale di gestione delle sorgenti dati per mantenere aperta la finestra di dialogo data source manager e consentire l’interazione con l’interfaccia QGIS mentre si aggiungono layer al progetto

File Progetto

  • Apri un progetto all’apertura di QGIS

    • “Pagina di Benvenuto” (opzione predefinita): può visualizzare il feed «News», il/i modello/i di progetto e i progetti più recenti (con le miniature) del :ref:`user profile <user_profiles> `. Per impostazione predefinita nessun progetto viene aperto .

    • “Nuovo”: apre un nuovo progetto, basato sul modello predefinito

    • “Più recente”: riapre l’ultimo progetto salvato

    • e “Specifico”: apre un progetto particolare. Usa il pulsante ` per definire il progetto da utilizzare come predefinito.

  • checkbox Crea un nuovo progetto dal progetto predefinito. Puoi scegliere Definisce il progetto attuale come predefinito oppure Ripristina il predefinito. Sfoglia fra i tuoi file e specifica la cartella in cui sono presenti i progetti da usare come modello. Se hai spuntato la casella di controllo checkbox Crea un nuovo progetto dal progetto predefinito e hai salvato un progetto nella cartella dei modelli, comparirà la nuova voce Progetto ► Nuovo da modello.

  • checkbox Chiedi di salvare il progetto e cambia sorgente dati quando richiesto per evitare di perdere le modifiche apportate.

  • checkbox Chiedi conferma quando si vuole rimuovere un layer

  • checkbox Avvisa quando si apre un file di progetto salvato con una vecchia versione di QGIS. Puoi sempre aprire progetti creati con una versione precedente di QGIS, ma una volta che il progetto viene salvato, provare ad aprirlo con una versione precedente potrebbe fallire a causa di caratteristiche non disponibili in quella versione.

  • Enable macros selectString. This option was created to handle macros that are written to perform an action on project events. You can choose between “Never”, “Ask”, “For this session only” and “Always (not recommended)”.

  • Formato predefinito del file di progetto

    • radioButtonOn Formato file Archivio QGZ, include i dati ausiliari (vedi auxiliary data)

    • radioButtonOff QGS Il progetto salvato in testo in chiaro, non incorpora i dati ausiliari: i dati ausiliari sono memorizzati in un separato file .qgd insieme al file di progetto.

9.1.2. Impostazioni di sistema

Percorsi SVG

Aggiungi o Rimuovi Percorso(i) dove cercare i simboli SVG (Scalable Vector Graphic). Questi file SVG sono quindi disponibili per simboleggiare o etichettare gli elementi o decorare la mappa nel compositore di stampe.

Quando utilizzi un file SVG in un simbolo o in un’etichetta, QGIS ti permette di:

  • caricare il file dal file system: il file viene identificato attraverso il percorso del file e QGIS deve trovare il percorso per poter visualizzare l’immagine corrispondente

  • caricare il file da un URL remoto: come sopra, l’immagine sarà caricata solo dopo aver recuperato con successo la risorsa remota

  • incorporare il file SVG nell’oggetto: il file è incorporato all’interno del progetto corrente, del database degli stili o del modello di layout di stampa. Il file SVG viene poi sempre reso come parte dell’oggetto. Questo è un modo conveniente per creare progetti autonomi con simboli SVG personalizzati che possono essere facilmente condivisi tra diversi utenti e installazioni di QGIS.

    È anche possibile estrarre il file SVG incorporato da un simbolo o da un’etichetta e salvarlo su disco.

Nota

Le opzioni sopra menzionate per il caricamento e la memorizzazione di un file SVG in un progetto sono applicabili anche alle immagini raster che vuoi utilizzare per la personalizzazione di simboli, etichette o decorazioni.

Percorsi per i plugin

Aggiungi o rimuovi Percorsi per cercare ulteriori librerie plugin C+++.

Documentazione percorsi

Aggiungi o rimuovi Percorsi della documentazione da usare per l’help di QGIS. Per impostazione predefinita, viene aggiunto un link al Manuale Utente online ufficiale corrispondente alla versione utilizzata. Puoi comunque aggiungere altri link e dar loro priorità dall’alto verso il basso: ogni volta che clicchi su un pulsante Help in una finestra di dialogo, viene controllato il link più in alto e se non viene trovata alcuna pagina corrispondente, viene provata quella successiva, e così via.

Nota

La documentazione è versionata e tradotta solo per QGIS Long Term Releases (LTR), il che significa che se si esegue un rilascio regolare (es. QGIS 3.0), il pulsante help aprirà di default la prossima pagina del manuale LTR (es. 3.4 LTR), che può contenere la descrizione delle caratteristiche delle nuove versioni (3.2 e 3.4). Se non è disponibile documentazione LTR viene utilizzata la documentazione testing doc, con le caratteristiche delle versioni più recenti e di sviluppo.

Impostazioni

Ripristina l’interfaccia utente alle impostazioni predefinite (riavvio richiesto) ti aiuta se hai fatto qualche personalizzazione.

Ambiente

../../../_images/sys-env-options.png

Fig. 9.1 Variabili ambiente di sistema in QGIS

Le variabili di ambiente di sistema possono essere visualizzate, e molte configurate, nel gruppo Ambiente. Questo è utile per piattaforme, come Mac, dove un’applicazione GUI non eredita necessariamente l’ambiente shell dell’utente. È utile anche per impostare e visualizzare le variabili d’ambiente per gli strumenti esterni controllati dal Toolbox di processing (ad esempio, SAGA, GRASS), e per attivare l’output di debug per specifiche sezioni del codice sorgente.

checkbox Usa variabili utente (necessario il riavvio - includi i separatori). Puoi attivare Aggiungi nuova variabile e Rimuovi variabile. Le variabili d’ambiente già definite vengono visualizzate in Variabili di ambiente attuali, e puoi filtrarle attivando checkbox Mostra le solo le variabili specifiche di QGIS.

9.1.3. Impostazioni SR

Nota

Per maggiori informazioni su come QGIS gestisce la proiezione dei layer, leggi la sezione dedicata in Lavorare con le proiezioni.

../../../_images/options_crs.png

Fig. 9.2 Impostazioni SR in QGIS

SR per i Progetti

Esiste un’opzione per impostare automaticamente il SR per il nuovo progetto:

  • radioButtonOnUsa il SR dal primo layer aggiunto: il CRS del progetto sarà impostato sul SR del primo layer caricato in esso

  • radioButtonOffUsa SR predefinito: un SR predefinito viene applicato di default a qualsiasi nuovo progetto e viene lasciato invariato quando si aggiungono layer al progetto.

La scelta sarà salvata per l’uso nelle successive sessioni di QGIS. Il Sistema di Riferimento delle Coordinate del progetto può ancora essere sovrascritto da Progetto ► Proprietà… ► scheda SR.

SR per i Layer

Usa SR del layer predefinito: seleziona un SR predefinito da usare quando si crea un layer

Puoi anche definire l’azione da intraprendere quando viene creato un nuovo layer, o quando viene caricato un layer senza SR.

  • radioButtonOn Lascia come SR sconosciuto (nessuna azione)

  • radioButtonOff Richiedi SR

  • radioButtonOff Usa il SR del progetto

  • radioButtonOff Usa SR predefinito

unchecked Misure planimetriche: imposta il default per le «misure planimetriche» per i progetti di nuova creazione.

9.1.4. Impostazioni Trasformazioni

La scheda transformation Trasformazioni ti aiuta a impostare le trasformazioni di coordinate e le operazioni da applicare quando si carica un layer su un progetto o si riproietta un layer.

../../../_images/options_transformations.png

Fig. 9.3 Impostazioni Trasformazioni

Trasformazioni datum predefinite

In questo gruppo puoi controllare se la riproiezione dei layer in un altro SR debba essere:

  • processata automaticamente usando le impostazioni di trasformazione predefinite di QGIS;

  • e/o meglio controllata da te con preferenze personalizzate come:

    • checkbox Chiedi la trasformazione del datum se disponibili più di uno.

    • un elenco predefinito di trasformazioni del datum da applicare per impostazione predefinita. Vedi Trasformazioni Datum per maggiori dettagli.

9.1.5. Impostazioni sorgenti dati

../../../_images/options_data_sources.png

Fig. 9.4 Impostazioni Sorgente Dati in QGIS

Attributi delle geometrie e tabelle

  • checkbox Apri le nuove tabelle degli attributi agganciate alla finestra

  • Copia elementi come “Testo normale, nessuna geometria”, “Testo normale, geometria WKT”, o “GeoJSON” quando si incollano le geometrie in altre applicazioni.

  • Impostazioni tabella degli attributi selectString: imposta il filtro sulla tabella degli attributi all’apertura. Sono presenti tre possibilità: ‘Mostra Tutti gli elementi’, ‘Mostra Elementi selezionati’ e ‘Mostra Elementi Visibili nella mappa’.

  • Vista predefinita: definisce la modalità di visualizzazione della tabella degli attributi ad ogni apertura. Può essere “Ricorda Ultima Vista”, “Vista tabella” o “Vista Modulo”.

  • Cache riga attributi tabella selectNumber. La cache permette di salvare le ultime N righe degli attributi caricate: in questo modo il lavoro con la tabella degli attributi risulterà essere molto più veloce. La cache verrà cancellata alla chiusura della tabella degli attributi.

  • Mostra i valori NULL come. Puoi definire un attributo con cui verranno visualizzati i valori NULL (nessun valore).

Suggerimento

Migliorare l’apertura della tabella degli attributi con grandi quantità di dati

Quando si lavora con layer con una grande quantità di record, l’apertura della tabella degli attributi potrebbe essere lenta nel mostrare tutte le righe. Impostando Imposta Tabella degli attributi su Mostra Elementi Visibili nella mappa richiede l’elenco solo per le geometrie visibili nella mappa corrente, consentendo un rapido caricamento dei dati.

Nota che i dati con questa modalità della tabella degli attributi saranno sempre legati all’area di visualizzazione, il che significa che selezionando Mostra tutte gli elementi all’interno di tale tabella non verranno visualizzate nuove geometrie. Puoi comunque aggiornare il set di geometrie visualizzate cambiando l’estensione della mappa e selezionando l’opzione Mostra gli elementi visibili nella mappa nella tabella degli attributi.

Gestione Sorgenti Dati

  • Ricerca elementi validi nella finestra del browser selectString. Puoi scegliere fra ‘Controlla estensione’ e ‘Controlla il contenuto del file’.

  • Ricerca contenuto dei file compressi (.zip) nella finestra del browser selectString definisce quanto dettagliato è il widget informativo nella parte inferiore del pannello Browser quando si cercano tali file. Le possibili opzioni sono “No”, “Scansione di base” e “Scansione completa”.

  • Richiedi i sublayer all’apertura. Alcuni raster supportano i sublayer, chiamati subdataset in GDAL. Un esempio sono i file netCDF: se sono presenti diverse variabili netCDF, GDAL riconosce ogni variabile come un subdataset. L’opzione permette di gestire i sublayer quando uno di questi viene aperto. Puoi scegliere fra:

    • “Sempre”: chiede sempre (se sono presenti sublayer)

    • “Se necessario”: chiede se il layer non ha bande, ma ha sublayer

    • “Mai”: non chiede mai e non carica niente

    • “Carica tutto”: non chiede, ma carica tutti i sublayer

  • checkbox Ignora la dichiarazione di codifica per lo shapefile. Se lo shapefile ha informazioni sulla sua codifica, queste verranno ignorate.

  • checkbox Esegui le espressioni lato-server se possibile: Quando si richiedono elementi da una sorgente dati, QGIS cercherà di ottimizzare le richieste inviando i criteri di filtro direttamente al server e scaricherà solo gli elementi che corrispondono ai criteri. Per esempio, se per una lista sull’interfaccia utente devono essere elencati solo gli agricoltori che vivono a Berna, QGIS invierà un `WHERE "hometown" = 'Bern' al database. In alcuni casi, i criteri di filtro sono troppo complessi per essere tradotti dal calcolatore di campi QGIS in formato SQL compatibile con il database. In questi casi, QGIS scaricherà tutti i dati e filtrerà in modo più affidabile localmente, il che è però molto meno performante.

    Disattivando questa opzione, QGIS può essere costretto a scaricare sempre tutti i dati e a filtrare localmente, a scapito di una penalità di performance. Questa opzione è intesa come un’interruzione di sicurezza e deve essere disattivata solo se si identifica un comportamento scorretto del motore di traduzione delle espressioni di QGIS.

Percorsi Browser nascosti

Questo widget elenca tutte le cartelle che hai scelto di nascondere al pannello Browser panel. Rimuovendo una cartella dall’elenco, essa sarà disponibile nel pannello Browser.

Percorso Dati Localizzato

È possibile utilizzare percorsi localizzati per qualsiasi tipo di sorgente dati basata su file. Sono una lista di percorsi che vengono usati per parametrizzare la posizione dell’origine dati. Per esempio, se C:my_maps è elencato nei percorsi localizzati, un layer che ha C:my_mapsmy_countryortho.tif come sorgente dati sarà salvato nel progetto usando localized:my_countryortho.tif.

I percorsi vengono elencati in ordine di preferenza, in altre parole QGIS cercherà il file prima nel primo percorso, poi nel secondo, ecc.

9.1.6. Impostazioni di visualizzazione

../../../_images/rendering_menu.png

Fig. 9.5 Scheda Visualizzazione della finestra di dialogo Proprietà progetto

Opzioni di visualizzazione

  • checkbox Per impostazione predefinita i nuovi layer aggiunti alla mappa vengono visualizzati subito: deselezionare questa opzione può essere utile quando si caricano più layer per evitare che ogni nuovo layer sia visualizzato in mappa e rallenti il processo

  • checkbox Usa il caching del disegno quando possibile per velocizzare la visualizzazione

  • checkbox Visualizza i layer in parallelo usando più processori della CPU

  • checkbox Numero massimo di core da utilizzare

  • Intervallo di aggiornamento della mappa (predefinito a 250 ms)

  • checkbox Abilita la semplificazione delle geometrie in modo predefinito per i nuovi layer aggiunti

  • Semplifica dal lato provider se possibile

  • Algoritmo di semplificazione: Questa opzione esegue una semplificazione locale «on-the-fly» sulle geometrie e accelera la visualizzazione della stessa. Non modifica la geometria originaria. Questo è importante quando hai espressioni che si riferiscono alla geometria (ad esempio il calcolo dell’area) assicurando che questi calcoli vengano eseguiti sulla geometria originale, non su quella semplificata. A tale scopo, QGIS fornisce tre algoritmi: “Distanza” (predefinito), “SnapToGrid” e “Visvalingam”.

  • unchecked Semplifica dal lato provider se possibile: le geometrie vengono semplificate dal provider (PostGIS, Oracle…) e, a differenza della semplificazione lato locale, i calcoli basati sulla geometria possono essere modificati.

  • Scala massima alla quale il layer dovrebbe essere semplificato

  • doubleSpinBox Livello ingrandimento (vedi magnifier)

Nota

Oltre all’impostazione globale, la semplificazione delle geometrie può essere impostata per qualsiasi layer specifico dal menu Proprietà vettore ► Visualizzazione.

Impostazioni di visualizzazione

  • checkbox Rendi le linee meno irregolari a spese delle prestazioni

Segmentazione curva

  • Tolleranza di segmentazione: questa impostazione controlla il modo in cui gli archi di cerchio sono visualizzati. Definendo più piccolo l’angolo massimo (tra i due vertici consecutivi e il centro della curva, in gradi) o la differenza massima (distanza tra il segmento dei due vertici e la linea della curva, in unità di mappa), i segmenti più dritti verranno utilizzati durante la visualizzazione.

  • Tipo di tolleranza: può essere Angolo massimo o Differenza massima tra approssimazione e curva.

Raster

  • Con Selezione banda RGB puoi scegliere il numero di bande rosse, verdi e blu.

  • Possono essere definiti i metodi Ricampionamento quando ingrandisco e Ricampionamento quando rimpicciolisco . Per Ricampionamento quando ingrandisco puoi scegliere tra tre metodi di ricampionamento: “Vicino più prossimo”, “Bilineare” e “Cubico”. Per Ricampionamento quando rimpicciolisco puoi scegliere tra “Vicino più prossimo” e “Average”. Puoi anche impostare il valore di Sovracampionamento (tra 0.0 e 99.99 - un valore grande significa più lavoro per QGIS - il valore predefinito è 2.0).

Miglioramento contrasto

Le opzioni di miglioramento del contrasto possono essere applicate a Banda singola grigia, Colore multibanda (byte/band) o Colore multibanda (>byte/band). Per ognuna di queste, è possibile impostare:

  • L” Algoritmo da usare, i cui valori possono essere “Nessuno stiramento”, “Stira a MinMax”, “Stira e taglia a MinMax” o “Taglia a MinMax”

  • i Limiti (minimo/massimo) da applicare, con valori come “Taglio del conteggio cumulativo pixel”, “Minimo/Massimo”, “Media +/- deviazione standard”.

Per la visualizzazione dei raster, puoi anche definire le seguenti opzioni:

  • Limiti di taglio del conteggio cumulativo pixel

  • Moltiplicatore deviazione standard

Debugging

  • checkbox Aggiornamento della visualizzazione della mappa per visualizzare il debugging nel pannello Messaggi di Log.

9.1.7. Impostazioni Mappa e Legenda

../../../_images/options_canvas_legend.png

Fig. 9.6 Impostazioni Mappa e Legenda

Queste proprietà ti consentono di impostare:

  • l” Aspetto della mappa (modificato dalle proprietà di progetto): il Colore della selezione e il Colore di sfondo.

  • Interazione Legenda Layer:

    • Azione eseguita in legenda sul comando doppio-click selectString. Facendo doppio click sul layer puoi scegliere fra ‘Apri proprietà del layer’, ‘Apri tabella degli attributi’ o ‘Apri la finestra degli stili del layer’.

    • checkbox Visualizza attributi di classificazione nei titoli del layeri, ad esempio quando si applica una visualizzazione categorizzata o basata su regole (vedi Proprietà Simbologia per maggiori informazioni).

    • la Risoluzione getLegendGraphic del WMS

    • Dimensione minima simbolo legenda e Dimensione massima simbolo legenda per controllare la visualizzazione delle dimensioni dei simboli nel pannello Layer

  • il Ritardo (in millisecondi) della visualizzazione dei layer map tips

9.1.8. Impostazioni Strumenti Mappa

../../../_images/options_map_tools.png

Fig. 9.7 Impostazioni Strumenti mappa in QGIS

Questa scheda ti permette di scegliere alcune opzioni sul comportamento di Identify tool.

  • Raggio di ricerca per identificare gli elementi e visualizzare le relative informazioni sulla mappa è una distanza di tolleranza entro la quale lo strumento di identificazione mostrerà i risultati se clicchi entro questa tolleranza.

  • Colore di evidenziazione ti permette di scegliere con quale colore le caratteristiche identificate devono essere evidenziate.

  • Buffer determina una distanza di buffer da visualizzare dal contorno dell’evidenziazione di identificazione.

  • Larghezza minima determina di quale spessore deve essere il contorno di un oggetto evidenziato.

Strumenti di misura

  • Definisce il Colore elastico per gli strumenti di misura

  • Definisce le Posizioni decimali

  • checkbox Mantieni le unità di base per non convertire automaticamente numeri grandi (ad esempio, metri a chilometri)

  • Unità preferite per le distanze: le opzioni sono “Metri”, “Chilometri”, “Piedi”, “Iarde”, “Miglia”, “Miglia”, “Miglia nautiche”, “Centimetri”, “Millimetri”, “Gradi” o “Unità di mappa”.

  • Preferred area units: options are “Square meters”, “Square kilometers”, “Square feet”, “Square yards”, “Square miles”, “Hectares”, “Acres”, “Square nautical miles”, “Square centimeters”, “Square millimeters”, “Square degrees” or “Map Units”

  • Unità preferite per gli angoli: le opzioni sono “Gradi”, “Radianti”, “Gon/gradianti”, “Minuti di arco”, “Secondi di arco”, “Rotazioni/rivoluzioni”, “Milliradianti (definizione SI)” o “Mil (NATO/definizione/militare)”

Visualizzazione Coordinate in Gradi

  • Definire Formato bussola predefinito per nuovi progetti: utilizzato per visualizzare le coordinate del mouse nella barra di stato durante la navigazione sulla mappa. Può essere sovrascritto nella finestra di dialogo proprietà del progetto.

Ingrandimento

  • Definire un Fattore di zoom per strumenti di zoom o rotella del mouse

Scale Predefinite

Qui trovi una lista di scale predefinite. Con i pulsanti signPlus e signMinus puoi aggiungere o rimuovere le scale personali. Puoi anche importare o esportare le scale da/a un file .XML. Nota che puoi ancora avere la possibilità di rimuovere le tue modifiche e ripristinare l’elenco predefinito.

9.1.9. Impostazioni colori

../../../_images/options_colors.png

Fig. 9.8 Impostazioni colori

Questo menu ti consente di creare o aggiornare le tavolozze di colori utilizzati in tutta l’applicazione nel color selector widget. Puoi scegliere tra:

  • Colori recenti che mostra i colori usati di recente

  • Colori standard, la tavolozza predefinita dei colori

  • Colori del progetto, un insieme di colori specifici per il progetto corrente (vedi Proprietà Progetto - Stili predefiniti per maggiori dettagli).

  • Colori per nuovi layer, un insieme di colori da usare di default quando nuovi layer vengono aggiunti a QGIS.

  • o puoi creare o importare tavolozza(i) personalizzata(e) usando il pulsante …. accanto alla casella combinata della tavolozza.

Per impostazione predefinita, Colori recenti, Colori standard e Colori del progetto non possono essere rimossi e sono impostati per apparire nel menu a discesa del pulsante colori. Le tavolozze personalizzate possono anche essere aggiunte a questo widget grazie all’opzione Mostra bottoni colore.

Per ogni tavolozza, puoi gestire l’elenco dei colori utilizzando l’insieme di strumenti accanto al riquadro, ad esempio:

  • signPlus Aggiungi colore o signMinus Elimina colore

  • editCopy Copia i colori o editPaste Incolla colori

  • fileOpen Importa colori da file o fileSave Esporta colori l’impostazione dei colori da/per .gpl file.

Fai doppio clic su un colore nell’elenco per modificarlo o sostituirlo nella finestra di dialogo Color Selector. Puoi anche rinominarlo facendo doppio clic nella colonna Etichetta.

9.1.10. Impostazioni digitalizzazione

../../../_images/options_digitizing.png

Fig. 9.9 Impostazioni Digitalizzazione in QGIS

Questa scheda ti aiuta a configurare le impostazioni generali quando sei in modifica layer vettoriale (attributi e geometria).

Creazione elemento

  • checkbox Non aprire il modulo dopo la creazione di ogni elemento: questa scelta può essere annullata in ogni finestra di dialogo delle proprietà layer.

  • checkbox Ripeti i valori degli attributi usati per ultimi: ricorda l’ultimo valore usato di ogni attributo e lo usa come predefinito per il prossimo elemento da digitalizzare. Funziona per layer.

  • Verifica le geometrie. Modificare linee/poligoni con molti nodi può portare a una visualizzazione molto lenta. Questo succede perché le procedura di verifica delle geometrie in QGIS richiede molto tempo. Per velocizzare la visualizzazione è possibile selezionare GEOS (a partire da GEOS 3.3) oppure disattivare del tutto la verifica. La verifica effettuata da GEOS è molto più rapida, ma ha lo svantaggio di comunicare solamente il primo problema geometrico riscontrato.

    Da notare che a seconda della selezione, i report degli errori di geometria possono essere diversi (vedi Tipi di messaggi di errore e loro significati)

  • Valore Z predefinito da usare quando si creano nuovi elementi 3D.

Elastico

  • Definisce le proprietà dell’elastico Spessore linea, Colore della linea e Colore di riempimento.

  • Non aggiornare linea elastico durante la modifica dei vertici.

Aggancio

  • checkbox Abilita sempre l’aggancio attiva l’aggancio quando un progetto viene aperto

  • Imposta la Modalità di aggancio predefinita selectString (‘Vertice”, “Vertice e segmento”,”Segmento”)

  • Imposta la Tolleranza di aggancio predefinita in unità di mappa o pixel

  • Imposta il Raggio di ricerca per le modifiche dei vertici in unità di mappa o in pixel

  • Mostra finestra principale come (richiesto riavvio): imposta se la finestra di dialogo di Aggancio in Digitalizzazione Avanzata deve essere visualizzata come “Finestra” o “Finestra agganciabile”.

  • Colore del simbolo di aggancio

  • checkbox Mostra suggerimenti sull’aggancio come il nome del layer su cui stai operando l’aggancio. Utile quando più elementi sono sovrapposti.

  • checkbox Abilita l’aggancio su elementi invisibili (non mostrati sulla mappa)

Indicatori di vertice

  • checkbox Utilizza simboli solo per gli elementi selezionati

  • Definisci vertice Stile simbolo selectString (‘Croce’ (predefinito), ‘Cerchio semi trasparente’ o ‘Nessuno’)

  • Definisci vertice Dimensione simbolo (in millimetri)

Strumento per la curva di offset

Le 3 opzioni successive si riferiscono allo strumento offsetCurve Curva di offset in Digitalizzazione avanzata. Attraverso i vari settaggi è possibile influenzare la forma della linea di offset. Queste opzioni sono possibili a partire da GEOS 3.3.

  • Stile unione: “Tondo”, “Seghettato” o “Smussato”

  • Segmenti di quadrante

  • Limite di smusso

Ricalco

Attivando checkbox Converti tracciato in curva puoi creare tratti di curva durante la digitalizzazione. Tieni presente che la tua fonte dati deve supportare questa funzione.

9.1.11. Impostazioni Layout

../../../_images/options_layouts.png

Fig. 9.10 Impostazioni delle stampe in QGIS

Opzioni predefinite del layout

Puoi scegliere il Carattere predefinito da usare nel print layout.

Reticolo

  • Scegli lo Stile reticolo selectString (“Pieno”, “Punti”, “Croci”)

  • Scegli il Colore reticolo

Opzioni predefinite delle guide e del reticolo

  • Specifica la Spaziatura reticolo selectNumber

  • Definisci l” Offset reticolo selectNumber per X e Y

  • Definisci la Tolleranza di aggancio selectNumber

Percorsi Layout

  • Definisci il Percorso(i) per cercare modelli di stampa aggiuntivi: un elenco di cartelle con modelli di layout personalizzati da utilizzare quando se ne crea uno nuovo.

9.1.12. Impostazioni GDAL

GDAL è una libreria di scambio dati per dati geospaziali che supporta un gran numero di formati vettoriali e raster. Fornisce driver per leggere e (spesso) scrivere dati in questi formati. La scheda GDAL riporta i driver per i formati raster e vettoriali con le loro funzionalità.

9.1.12.1. Opzioni Driver Raster

Questa scheda fornisce modi per personalizzare il comportamento dei driver raster che supportano l’accesso in lettura e scrittura:

  • Modifica le opzioni di creazione: ti permette di modificare o aggiungere diversi profili di trasformazione dei file, cioè un insieme di combinazioni predefinite di parametri (tipo e livello di compressione, dimensione dei blocchi, panoramica, colorimetria, alfa….) da utilizzare per l’output di file raster. I parametri dipendono dal driver.

    ../../../_images/gdalCreateOptions.png

    Fig. 9.11 Esempio di creazione di un profilo di opzioni (per GeoTiff)

    La parte superiore della finestra di dialogo elenca i profili correnti e ti consente di aggiungerne di nuovi o rimuovere alcuni di essi. Puoi inoltre ripristinare il profilo ai suoi parametri predefiniti se sono stati modificati. Alcuni driver (ad esempio GeoTiff) hanno alcuni esempi di profili con cui è possibile lavorare.

    Nella parte inferiore della finestra di dialogo:

    • Il pulsante signPlus ti permette di aggiungere righe da riempire con il nome e il valore del parametro

    • Il pulsante signMinus cancella il parametro selezionato

    • Fai clic sul pulsante Valida per verificare che le opzioni di creazione inserite per il formato specificato siano valide

    • Utilizza il pulsante Guida per trovare i parametri da utilizzare, oppure fai riferimento alla documentazione GDAL raster drivers.

  • Modifica crea opzioni Piramidi

    ../../../_images/gdalPyramidsOptions.png

    Fig. 9.12 Esempio di profilo delle piramidi

9.1.12.2. Driver GDAL raster e vettoriali

Le opzioni Driver Raster e Driver Vettoriali (in una scheda separata) permettono di definire quale driver GDAL è abilitato a leggere e/o scrivere file, poiché in alcuni casi è disponibile più di un driver GDAL.

../../../_images/options_gdal.png

Fig. 9.13 Impostazioni GDAL in QGIS - Driver Raster

Suggerimento

Facendo doppio clic su un driver raster che permette l’accesso in lettura e scrittura (rw+(v)) si apre la finestra di dialogo Edit Create options.

9.1.13. Impostazioni variabili

La scheda Variabili elenca tutte le variabili disponibili a livello globale.

Permette inoltre all’utente di gestire variabili di livello globale. Fai clic sul pulsante signPlus per aggiungere una nuova variabile personalizzata a livello globale. Allo stesso modo, selezionare una variabile personalizzata a livello globale dall’elenco e fare clic su signMinus pulsante per rimuoverla.

Maggiori informazioni sulle variabili nella sezione Memorizzazione valori nelle Variabili.

../../../_images/options_variables_global.png

Fig. 9.14 Impostazione variabili in QGIS

9.1.14. Impostazioni di autenticazione

Nella scheda Autenticazione puoi impostare le configurazioni di autenticazione e gestire i certificati PKI. Vedi Sistema di Autenticazione per maggiori dettagli.

../../../_images/auth-editor-configs21.png

Fig. 9.15 Impostazioni di autenticazione in QGIS

9.1.15. Impostazioni di rete

Generale

  • Imposta il Timeout per le richieste di rete (ms) - il valore predefinito è 60000

  • Imposta il Periodo di scadenza predefinito per capabilities WMS (ore) - l’impostazione predefinita è 24

  • Definisci il Periodo di scadenza predefinito per tasselli WMS-C/WMTS (ore) - il valore predefinito è 24

  • Definisci il Numero massimo di tentativi in caso di errore nella richiesta del tassello o dell’elemento

  • Definisci l” User-Agent

../../../_images/proxy-settings.png

Fig. 9.16 Impostazione proxy in QGIS

Impostazioni della cache

Definisci la Cartella e una Dimensione per la cache. Offre anche strumento Pulisce automaticamente la cache di accesso all’autenticazione di rete quando si verificano errori SSL (raccomandato).

Proxy per l’accesso web

  • checkbox Usa Proxy per Accesso al Web

  • Imposta Tipo proxy selectString in base alle tue necessità e definisci “Host” e “Porta”. I tipi di proxy disponibili sono:

    • Default Proxy: Il Proxy è determinato in base al proxy di sistema

    • Socks5Proxy: Proxy generico per ogni tipo di connessione. Supporta TCP, UDP, associazione a una porta (connessione in entrata) e autenticazione.

    • HttpProxy: Realizzato usando il comando «CONNECT», supporta solamente connessioni TCP in uscita; supporta l’autenticatione.

    • HttpCachingProxy: Realizzato usando normali comandi HTTP, è utile solamente nel contesto di richieste HTTP.

    • FtpCachingProxy: Realizzato usando un proxy FTP, è utile solamente nel contesto di richieste FTP.

Le credenziali del proxy vengono impostate usando il authentication widget.

L’esclusione di alcuni URL può essere aggiunta alla casella di testo sotto le impostazioni del proxy (vedi Fig. 9.16). Nessun proxy verrà utilizzato se l’url di destinazione inizia con una delle stringhe elencate in questa casella di testo.

Se hai bisogno di informazioni più dettagliate sulle diverse impostazioni del proxy, fai riferimento al manuale della seguente documentazione della libreria QT all’indirizzo https://doc.qt.io/qt-5.9/qnetworkproxy.html#ProxyType-enum

Suggerimento

Utilizzo proxy

L’utilizzo dei proxy a volte può essere complicato. È utile procedere con “tentativo e errore” con i suddetti tipi di proxy, per verificare se hanno successo nel tuo caso.

9.1.16. Impostazioni Localizzatore

search La scheda Localizzatore ti permette di configurare la barra Locator bar, un widget di ricerca rapida disponibile sulla barra di stato per aiutarti a eseguire ricerche nell’applicazione. Fornisce alcuni filtri predefiniti (con prefisso) da utilizzare:

../../../_images/options_locator.png

Fig. 9.17 Impostazioni Localizzatore in QGIS

  • Layer del Progetto (l): trova e seleziona un layer nel pannello Layer.

  • Impaginazioni del Progetto (pl): trova ed apre un layout di stampa.

  • Azioni (.): trova ed esegue un’azione QGIS; le azioni possono essere qualsiasi strumento o menu in QGIS, aprire un pannello…

  • Funzioni del layer attivo (f`): cerca gli attributi corrispondenti in qualsiasi campo del layer attivo corrente e zooma sull’elemento selezionato. Premi |impostazioni| per configurare il numero massimo di risultati.

  • Elementi in tutti i Vettori (af): cerca gli attributi corrispondenti nel display name di ogni searchable layers e zooma sull’elemento selezionato. Premi settings per configurare il numero massimo di risultati e il numero massimo di risultati per layer.

  • Calcolatore (=): permette di calcolare qualsiasi espressione di QGIS e, se valida, dà la possibilità di copiare il risultato negli appunti.

  • Segnalibri spaziali (b): trova ed effettua lo zoom sull’estensione del segnalibro.

  • Impostazioni (set): sfoglia e apre le finestre di dialogo delle proprietà del progetto e dell’applicazione.

  • Vai alle Coordinate (go): sposta la mappa su una posizione definita da una coppia di coordinate x e y separate da virgola o spazio o da un URL formattato (ad esempio, OpenStreetMap, Leaflet, OpenLayer, Google Maps, …). Le coordinate sono espresse in WGS 84 (epsg:4326) e/o in SR della mappa.

  • Algoritmi di Processing (a): cerca e apre una finestra di dialogo di algoritmi di processing.

  • Modifica le geometrie selezionate (ef): fornisce un accesso rapido ed esegue un algoritmo di elaborazione compatibile modify-in-place sul layer attivo.

Nella finestra di dialogo, puoi

  • personalizzare il filtro Prefisso, cioè la parola chiave da usare per attivare il filtro

  • imposta se il filtro è Abilitato: il filtro può essere usato nelle ricerche e una scorciatoia è disponibile nel menu della barra del localizzatore.

  • imposta se il filtro è Predefinito: una ricerca che non prevede un filtro restituisce risultati solo dalle categorie dei filtri predefiniti.

  • Alcuni filtri forniscono un modo per configurare il numero di risultati in una ricerca.

L’insieme dei filtri di localizzazione predefiniti può essere esteso dai plugin, ad esempio per ricerche OSM nominatim, ricerca diretta nel database, ricerche nel catalogo dei layer, …

9.1.17. Impostazioni avanzate

../../../_images/options_advanced.png

Fig. 9.18 Scheda impostazioni Avanzate in QGIS

Tutte le impostazioni relative a QGIS (UI, strumenti, fonti dati, configurazioni di elaborazione, valori e percorsi predefiniti, opzioni dei plugin, espressioni, controlli della geometria…) sono salvate in un file QGIS/QGIS3.ini nella cartella del profilo attivo user profile. Le configurazioni possono essere condivise copiando questo file in altre installazioni.

In QGIS, la scheda Avanzato offre un modo per gestire queste impostazioni attraverso il Editor Impostazioni Avanzate. Dopo che hai promesso di fare attenzione, il widget viene popolato con un albero di tutte le impostazioni esistenti, e puoi modificare il loro valore. Cliccando con il tasto destro del mouse su un’impostazione o un gruppo puoi eliminarlo (per aggiungere un’impostazione o un gruppo, devi modificare il file QGIS3.ini). Le modifiche vengono salvate automaticamente nel file QGIS3.ini.

Avvertimento

Evita di utilizzare ciecamente le impostazioni della scheda Avanzate

Fai attenzione quando modifichi gli elementi in questa finestra di dialogo dato che le modifiche vengono applicate automaticamente. Fare cambiamenti senza consapevolezza può coorompere l’installazione di QGIS in vari modi.

9.1.18. Impostazioni Accelerazione

Impostazioni accelerazioni OpenCL

../../../_images/acceleration_menu.png

Fig. 9.19 Scheda Accelerazione

A seconda del tuo hardware e software, potresti dover installare librerie aggiuntive per abilitare l’accelerazione OpenCL.

9.1.19. Impostazioni Processing

La scheda processing Processing ti fornisce le impostazioni generali degli strumenti e delle sorgenti dati utilizzati nel framework QGIS Processing. Maggiori informazioni su ambiente Processing di QGIS.

../../../_images/options_processing.png

Fig. 9.20 Scheda impostazioni Processing in QGIS

9.1.20. Impostazioni Console Python

Le impostazioni di runConsole Python Console ti aiutano a gestire e controllare il comportamento degli editor (interactive console, code editor, project macros, custom expressions, …). Vi si può arrivare anche usando il pulsante options Opzioni… da:

  • la barra degli strumenti di Python console

  • il widget contestuale della Python console

  • e dal menu contestuale del Editor Codice.

../../../_images/options_pythonconsole.png

Fig. 9.21 Scheda Impostazioni Console Python

Puoi specificare:

  • unchecked Autocompletamento: Abilita il completamento del codice. Puoi ottenere il completamento automatico dal documento corrente, dai file API installati o da entrambi.

    • Soglia autocompletamento: Imposta la soglia per la visualizzazione del complemento automatico (in caratteri)

  • in Digitazione

    • unchecked Inserimento automatico delle parentesi: Abilita l’inserimento automatico delle parentesi

    • checkbox Inserimento automatico della stringa “import” su “from xxx”: Abilita l’inserimento di “import” quando si specificano le importazioni

  • in Esegui e Correggi

    • unchecked Abilita ispettore oggetto (il passaggio tra pannelli potrebbe essere lento)

    • unchecked Salvataggio automatico dello script prima dell’esecuzione: Salva automaticamente lo script quando viene eseguito. Questa azione memorizzerà un file temporaneo (nella cartella temporanea di sistema) che verrà cancellato automaticamente dopo l’esecuzione.

Per API puoi specificare:

  • checkbox In uso il file delle API preinstallato: Puoi scegliere se vuoi usare i file API precaricati. Se questa opzione non è selezionata puoi aggiungere file API e puoi anche scegliere se vuoi usare file API preparati (vedi opzione successiva).

  • unchecked In uso il file delle API preparato: Se selezionato, il file *.pap scelto sarà usato per il completamento del codice. Per generare un file API preparato devi caricare almeno un file *.api e poi compilarlo cliccando il pulsante Compila API….

  • In Token di Accesso GitHub, puoi generare un token personale che ti permette di condividere frammenti di codice dall’interno dell’editor di codice Python. Maggiori dettagli sull’autenticazione su `GitHub `_

9.1.21. Impostazioni Editor Codice

Nella scheda codeEditor Editor Codice, puoi controllare l’aspetto e il comportamento dei widget dell’editor di codice (console interattiva ed editor di Python, widget di espressione ed editor di funzioni, …).

../../../_images/options_codeeditor.png

Fig. 9.22 Scheda Impostazioni Editor Codice

Nella parte superiore della finestra di dialogo, un widget fornisce un’anteprima online delle impostazioni correnti, in vari linguaggi di codifica (Python, espressione QGIS, HTML, SQL, JavaScript). Un modo comodo per regolare le impostazioni.

  • Seleziona unchecked Sostituisci Carattere Editor di Codice per modificare la tipologia predefinita di Carattere e Dimensione.

  • Nel gruppo Colori puoi:

    • selezionare uno Schema colore: le impostazioni predefinite sono Predefinito, Solarizzato (Scuro) e Solarizzato (Luce). Uno schema Personalizzato viene attivato non appena si modifica un colore e può essere annullato selezionando uno schema predefinito.

    • cambiare il color di ogni elemento nella scrittura del codice, come i colori da usare per i commenti, le virgolette, le funzioni, lo sfondo, …

9.2. Lavorare con i Profili Utente

Il menu Impostazioni ► Profili utente fornisce funzioni per impostare e accedere ai profili utente. Un profilo utente è una configurazione unificata dell’applicazione che permette di memorizzare in una singola cartella:

  • tutte le global settings incluse proiezioni locali, impostazioni di autenticazione, tavolozze di colori, scorciatoie…

  • Configurazione GUI e customization

  • file reticolo e altri file di aiuto proj installati per la trasformazione dei dati

  • plugins installati e loro configurazioni

  • modelli di progetto e cronologia del progetto salvato con la loro immagine di anteprima

  • processing settings, log, script, modelli.

Per impostazione predefinita, un’installazione QGIS contiene un solo profilo utente denominato default. Ma puoi creare tutti i profili utente che vuoi:

  1. Fai clic sulla voce Nuovo Profilo…..

  2. Ti verrà chiesto di fornire un nome di profilo, creando una cartella con lo stesso nome sotto ~/<UserProfiles>/ dove:

    • ~ rappresenta la HOME directory, che in win Windows è solitamente qualcosa come C:\Users\(user).

    • e <UserProfiles> rappresenta la cartella principale del profilo, ad esempio:

      • nix .local/share/QGIS/QGIS3/profiles/

      • win AppData\Roaming\QGIS\QGIS3\profiles\

      • osx Library/Application Support/QGIS/QGIS3/profiles/

    La cartella del profilo utente può essere aperta da QGIS utilizzando Apri la Cartella del Profilo Attivo.

  3. Viene avviata una nuova istanza di QGIS, utilizzando una configurazione pulita. Puoi quindi impostare le tue configurazioni personalizzate.

Se nella tua installazione QGIS hai più di un profilo, il nome del profilo attivo è indicato nella barra del titolo dell’applicazione tra parentesi quadre.

Poiché ogni profilo utente contiene impostazioni separate, plugin e cronologia possono essere ottimizzati per diversi flussi di lavoro, demo, utenti della stessa macchina, o impostazioni di test, ecc. E puoi passare dall’uno all’altro selezionandoli nel menu Impostazioni ► Profili utente. Puoi anche eseguire QGIS con un profilo utente specifico da command line.

Se non viene modificato, il profilo dell’ultima sessione chiusa di QGIS verrà utilizzato nelle successive sessioni QGIS.

Suggerimento

Eseguire QGIS sotto un nuovo profilo utente per verificare la persistenza dei bug

Quando incontri uno strano comportamento con alcune funzioni in QGIS, crea un nuovo profilo utente ed esegui nuovamente i comandi. A volte, i bug sono correlati ad alcune sporcizie sul profilo utente corrente e la creazione di un nuovo profilo utente può correggerli quando si riavvia QGIS con il nuovo profilo (pulito).

9.3. Proprietà progetto

Nella finestra delle proprietà del progetto sotto Progetto -> Proprietà progetto, puoi impostare le opzioni specifiche per il progetto. Le opzioni specifiche del progetto sovrascrivono il loro equivalente nella finestra di dialogo Opzioni sopra descritta.

9.3.1. Proprietà Progetto - Generale

Nella scheda Generale, le Impostazioni generali ti permettono di:

  • vedere la posizione del file di progetto

  • impostare la cartella home del progetto (disponibile nella voce visualizzata Home del progetto). Il percorso può essere relativo alla cartella del file di progetto (digitare in) o assoluto. La home del progetto può essere utilizzata per memorizzare dati e altri contenuti utili per il progetto.

  • dare un titolo al progetto accanto al percorso del file di progetto

  • scegliere il colore da usare per le geometrie quando vengono selezionate

  • scegliere il colore di sfondo: il colore da usare per l’area della mappa

  • scegliere se il percorso dei layer nel progetto deve essere salvato come assoluto (completo) o come relativo al percorso del file di progetto. Puoi preferire il percorso relativo quando sia i layers che i file di progetto possono essere spostati o condivisi o se si accede al progetto da computer su piattaforme diverse.

  • scegliere di evitare artefatti quando il progetto viene reso come tessere mappa. Nota che il controllo con questa opzione può comportare un peggioramento delle prestazioni.

Calcolare le aree e le distanze è un’esigenza comune in GIS. Tuttavia, questi valori sono in realtà legati alle impostazioni di proiezione sottostanti. La scheda Misura ti consente di controllare questi parametri. Puoi infatti scegliere:

  • l” Ellissoide, su cui si basano interamente i calcoli di distanza e superficie; può essere:

    • Nessuno/Planimetrico: i valori restituiti sono in questo caso misure cartesiane.

    • uno Personalizzato: devi impostare i valori del semiasse maggiore e del semiasse minore.

    • o uno esistente nella lista predefinita (Clarke 1866, Clarke 1880 IGN, New International 1967, WGS 84…).

  • le unità di misura per le distanze per la lunghezza e il perimetro e le unità di misura per le aree. Queste impostazioni, i cui valori preimpostati sono nelle opzioni QGIS ma che poi sostituisci per il progetto corrente, vengono utilizzate in:

    • Barra di aggiornamento del campo della tabella degli attributi

    • Calcoli del calcolatore di campo

    • Identifica la lunghezza, il perimetro e i valori dell’area derivati ​​dallo strumento

    • Unità predefinita mostrata nella finestra di dialogo delle misure

Il Formato Bussola ti permette di scegliere e personalizzare la bussola e il formato delle unità da utilizzare per visualizzare le coordinate del mouse nella barra di stato e le coordinate ricavate tramite lo strumento di identificazione.

Infine, puoi definire una lista di Scale predefinite per il Progetto, che sostituisce le scale globali predefinite.

../../../_images/project_general.png

Fig. 9.23 Scheda Generale della finestra di dialogo Proprietà Progetto

9.3.2. Proprietà Progetto - Metadati

La scheda Metadati permette di definire metadati dettagliati, includendo (tra gli altri): autore, data di creazione, lingua, abstract, categorie, parole chiave, contatti, link, storia. C’è anche una funzionalità di validazione che controlla se i campi specifici sono stati compilati, in ogni caso questo non è vincolante. Vedi vector layer metadata properties per altri dettagli.

9.3.3. Proprietà Progetto - SR

Nota

Per maggiori informazioni su come QGIS gestisce la proiezione di progetti, puoi consultare la sezione dedicata in Lavorare con le proiezioni.

La scheda crs SR ti aiuta a impostare il sistema di riferimento delle coordinate da utilizzare in questo progetto. Può essere:

  • checkbox Nessun Sistema di Coordinate (o proiezione sconosciuta/non terrestre): i layer vengono rappresentati in base alle loro coordinate non elaborate

  • o un sistema di riferimento di coordinate esistente che può essere geografico, proiettato o definito dall’utente. I Layer aggiunti al progetto vengono tradotti al volo in questo SR per sovrapporli indipendentemente dal loro SR originale.

9.3.4. Proprietà Progetto - Trasformazioni

La scheda transformation Trasformazioni ti aiuta a controllare le impostazioni di riproiezione dei layer configurando le regole di trasformazione dei dati da applicare nel progetto corrente. Come al solito, queste sovrascrivono qualsiasi impostazione globale corrispondente. Vedi Trasformazioni Datum per maggiori dettagli.

9.3.5. Proprietà Progetto - Stili predefiniti

La scheda Stili predefiniti ti consente di controllare come saranno disegnati nuovi layer nel progetto quando non hanno uno file di stile .qml definito. Puoi:

  • Impostare i simboli di default (Simbolo, Linea, Riempimento) da applicare a seconda del tipo di geometria del layer come anche il default della Scala di colori.

  • Applicare un valore di default per l” Opacità ai nuovi layer

  • checkbox Assegnare colori casuali ai simboli, modificando il riempimento dei colori dei simboli, evitando così la stessa visualizzazione per tutti i layer.

../../../_images/project_default_styles.png

Fig. 9.24 Scheda Stili predefiniti

Utilizzando il pulsante styleManager Gestore di stile, puoi anche accedere rapidamente alla finestra di dialogo Style Manager e configurare simboli e scale di colori.

C’è anche un’altra sezione dove è possibile definire colori specifici per il progetto in esecuzione. Analogamente con global colors, puoi:

  • signPlus Aggiungi colore o signMinus Elimina colore

  • editCopy Copia i colori o editPaste Incolla colori

  • fileOpen Importa colori da file o fileSave Esporta colori l’impostazione dei colori da/per .gpl file.

Fai doppio clic su un colore nell’elenco per modificarlo o sostituirlo nella finestra di dialogo Color Selector. Puoi anche rinominarlo facendo doppio clic nella colonna Etichetta.

Questi colori sono identificati come Colori del Progetto ed elencati come parte di color widgets.

Suggerimento

Utilizzare i colori del progetto per assegnare e aggiornare rapidamente i widget dei colori

I colori del progetto possono essere riferiti all’uso delle loro etichette e i widget di colore in cui sono usati sono correlati alle stesse. Questo significa che invece di impostare ripetutamente lo stesso colore per molte proprietà e, per evitare un aggiornamento impegnativo, puoi:

  1. Definire colori come Colori del Progetto

  2. Fai clic su data defined override widget che si trova a fianco della proprietà colore che vuoi impostare

  3. Sposta il mouse sul menu Colore e seleziona il colore del progetto. Alla proprietà viene quindi attribuita l’espressione project_color('color_label') e il widget del colore riflette quel colore.

  4. Ripeti i passi 2 e 3 tante volte quanto ti è necessario

  5. Aggiorna il colore del progetto una volta e il cambiamento si riflette OVUNQUE sia in uso.

9.3.6. Proprietà Progetto - Sorgenti Dati

Nella scheda Sorgenti dati puoi:

  • unchecked Crea automaticamente la transizioni dei gruppi se possibile: Quando questa modalità è attivata, tutti i layer dello stesso database sono sincronizzati nel loro stato di modifica, cioè quando un layer è messo in stato di modifica, lo sono tutti, quando un layer è in uso o un layer è rollback, lo sono anche gli altri. Inoltre, invece di bufferizzare le modifiche localmente, esse sono direttamente inviate ad una transazione nel database che viene impegnata quando l’utente clicca su save layer. Nota che puoi (de)attivare questa opzione solo se nessun layer viene modificato nel progetto.

  • unchecked Valutazione dei valori predefiniti lato provider: Quando si aggiungono nuovi elementi in una tabella PostgreSQL, i campi con vincolo di valori predefiniti sono valutati e popolati all’apertura del modulo e non al momento del commit. Ciò significa che invece di un’espressione come nextval('serial'), il campo nel modulo Aggiungi elemento mostrerà il valore atteso (ad esempio, 25).

  • unchecked Fidati del progetto quando il sorgente non possiede metadati: Per accelerare il caricamento del progetto saltando i controlli dei dati. Utile nel contesto di QGIS Server o in progetti con enormi viste di database/viste materializzate. L’estensione dei layer sarà letta dal file del progetto QGIS (invece che dalle fonti di dati) e quando si utilizza il provider PostgreSQL l’unicità della chiave primaria non sarà controllata per le viste e le viste materializzate.

  • Configurare le Capabilities dei Layer, ad esempio:

    • Abilitare (o disabilitare) quali layer sono identificabili, cioè risponderanno a identify tool. Per impostazione predefinita, i layer sono interrogabili.

    • Definire se un layer deve essere di Sola lettura, il che significa che non può essere modificato dall’utente, indipendentemente dai vincoli della sorgente dati. Anche se questa è una protezione debole, rimane una configurazione rapida e pratica per evitare che gli utenti finali modifichino i dati quando lavorano con layer definiti in file

    • Definire quali layer sono Ricercabili, cioè potrebbero essere interrogati uasando il locator widget. Per impostazione predefinita, i layer sono ricercabili.

    • Definire quali layer sono definiti come Obbligatori. I layer selezionati in questa lista sono protetti dalla rimozione accidentale dal progetto.

    La tabella Capabilities dei Layer fornisce alcuni strumenti utili:

    • Selezionare più celle e premere Inverti selezione per farle cambiare lo stato di modalità di comportamento;

    • unchecked Mostra solo layer spaziali, filtra i layer non spaziali dalla lista dei layer;

    • search Filtra layer… e rapidamente seleziona un particolare layer da configurare.

../../../_images/project_datasources.png

Fig. 9.25 Scheda Sorgenti Dati

9.3.7. Proprietà Progetto - Relazioni

La scheda Relazioni è usata per definire le relazioni 1: n. Le relazioni sono definite nella finestra di dialogo delle proprietà del progetto. Una volta che le relazioni esistono per un layer, un nuovo elemento dell’interfaccia utente nella vista modulo (ad es. quando si identifica una geometria e si apre il suo modulo) elencherà le entità correlate. Questo fornisce un modo efficace per esprimere per es. lo storico delle ispezioni su una lunghezza del gasdotto o del segmento stradale. Puoi trovare ulteriori informazioni sul supporto delle relazioni 1:n nella Sezione Creare una relazione uno a molti o molti a molti.

../../../_images/project_relations.png

Fig. 9.26 Scheda Relazioni

9.3.8. Proprietà Progetto - Variabili

La scheda Variabili elenca tutte le variabili disponibili a livello di progetto (che include tutte le variabili globali). Inoltre, consente anche all’utente di gestire variabili a livello di progetto. Fai clic sul pulsante signPlus per aggiungere una nuova variabile personalizzata a livello di progetto. Allo stesso modo, selezionare una variabile a livello di progetto personalizzata dall’elenco e fare clic sul pulsante signMinus pulsante per rimuoverlo. Maggiori informazioni sull’utilizzo delle variabili nella sezione Strumenti generali Memorizzazione valori nelle Variabili.

9.3.9. Proprietà Progetto - Macro

La scheda Macro è usata per modificare le macro Python per i progetti. Attualmente sono disponibili solo tre macro: openProject (), saveProject () e closeProject ().

../../../_images/macro.png

Fig. 9.27 Impostazioni delle macro in QGIS

9.3.10. Proprietà QGIS Server

La scheda QGIS Server ti permette di configurare il tuo progetto per pubblicarlo online. Qui puoi definire le informazioni sulle capabilities di QGIS Server WMS e WFS, l’estensione e le restrizioni SR. Maggiori informazioni sono disponibili nella sezione Configure your project e successive.

../../../_images/project_qgisserver.png

Fig. 9.28 Scheda impostazioni QGIS Server

9.3.11. Proprietà Temporali

La scheda Opzione Temporale viene usata per impostare l’intervallo temporale del tuo progetto, sia usando l’immissione manuale che calcolandolo dai layer temporanei del progetto corrente.

../../../_images/project_temporal.png

Fig. 9.29 Scheda QGIS Opzioni Temporale

9.4. Personalizzazione

La finestra di dialogo di personalizzazione consente di (dis) attivare quasi tutti gli elementi dell’interfaccia utente di QGIS. Questo può essere molto utile se vuoi fornire ai tuoi utenti finali una versione «leggera» di QGIS, contenente solo le icone, i menu o i pannelli di cui hanno bisogno.

Nota

Prima che le modifiche trovino applicazione, è necessario riavviare QGIS.

../../../_images/customization.png

Fig. 9.30 Finestra di dialogo Personalizzazione

Spuntando la casella di controllo checkbox Abilita personalizzazione è il primo passo verso la personalizzazione di QGIS. Ciò abilita la barra degli strumenti e il pannello dei widget da cui è possibile deselezionare e quindi disabilitare alcuni elementi della GUI.

Gli elementi configurabili possono essere:

  • un Menu o alcuni dei suoi sotto-menu da Barra dei Menu

  • un intero Pannello (vedi Pannelli e Barre degli strumenti)

  • la Barra di stato descritta in Barra di Stato o qualcuno dei suoi strumenti

  • una Barra degli strumenti: per intero o per alcune sue icone

  • o ogni widget di ogni finestra di dialogo in QGIS: etichette, pulsanti, caselle combinate…

Con select Passa ai widget per la cattura nel’applicazione principale, puoi cliccare su un elemento dell’interfaccia di QGIS che vuoi nascondere e QGIS automaticamente deseleziona la voce corrispondente nella finestra di dialogo della personalizzazione. Puoi anche usare la casella Cerca per trovare gli elementi in base al loro nome o alla loro etichetta.

Una volta impostata la configurazione, fai clic su Applica o OK per convalidare le modifiche. Questa configurazione diventa quella utilizzata di default da QGIS all’avvio successivo.

Le modifiche possono essere salvate in un file .ini usando il pulsante fileSave Salva su file. Questo è un modo pratico per condividere una interfaccia comune QGIS fra più utenti. Basta fare click su fileOpen Carica da file dal computer di destinazione per importare il file .ini. Puoi anche utilizzare opzioni della riga dei comandi e salvare varie impostazioni anche per casi d’uso diversi.

Suggerimento

Ripristinare in modo semplice lo stato predefinito di QGIS

La configurazione iniziale della GUI di QGIS può essere ripristinata in uno dei seguenti modi:

  • deselezionando l’opzione checkbox Abilita personalizzazione nella finestra di dialogo Personalizzazione o fare clic su selectAllTree Verifica tutto

  • premendo il pulsante Annulla nel riquadro Impostazioni nel menu Impostazioni ► Opzioni, scheda Sistema

  • lanciando QGIS al prompt dei comandi con la seguente riga di comando qgis --nocustomization

  • impostando a false il valore della variabile UI -> Personalizzazione -> Abilitato nel menu Impostazioni ► Opzioni, scheda Avanzato (vedi warning).

In quasi tutti i metodi esposti per rendere operativo il ripristino è necessario riavviare QGIS.

9.5. Tasti di scelta rapida

QGIS fornisce scorciatoie da tastiera predefinite per molte funzionalità. Puoi trovarle nella sezione Barra dei Menu. Inoltre, l’opzione del menu Impostazioni ► keyboardShortcuts Configura scorciatoie … ti consente di modificare le scorciatoie da tastiera predefinite e aggiungere nuove scorciatoie da tastiera alle funzioni di QGIS.

../../../_images/shortcuts.png

Fig. 9.31 Definire le opzioni di scelta rapida

La configurazione è molto semplice. Usa la casella di ricerca in cima alla finestra di dialogo per trovare una particolare azione, selezionala dall’elenco e clicca su:

  • Cambia e premi la nuova combinazione che vuoi assegnare come nuova scorciatoia

  • Set None per eliminare la scorciatoia assegnata

  • o Selezione predefinita per ripristinare la scorciatoia ai suoi valori di default.

Procedi come sopra per tutti gli altri strumenti che vuoi personalizzare. Una volta terminata la configurazione, semplicemente Chiudi la finestra di dialogo per applicare le modifiche. Puoi anche fare Salva… i cambiamenti come file .XML e Carica… in un’altra installazione di QGIS.

9.6. Esecuzione di QGIS con impostazioni avanzate

9.6.1. Linea di comando e variabili di ambiente

Abbiamo visto che lanciare QGIS è fatto come per qualsiasi applicazione sul tuo sistema operativo. QGIS fornisce opzioni a riga di comando per casi d’uso più avanzati (in alcuni casi puoi utilizzare una variabile d’ambiente invece dell’opzione a riga di comando). Per ottenere una lista delle opzioni, inserisci qgis --help sulla riga di comando, che restituisce:

QGIS is a user friendly Open Source Geographic Information System.
Usage: /usr/bin/qgis.bin [OPTION] [FILE]
  OPTION:
        [--version]     display version information and exit
        [--snapshot filename]   emit snapshot of loaded datasets to given file
        [--width width] width of snapshot to emit
        [--height height]       height of snapshot to emit
        [--lang language]       use language for interface text (changes existing override)
        [--project projectfile] load the given QGIS project
        [--extent xmin,ymin,xmax,ymax]  set initial map extent
        [--nologo]      hide splash screen
        [--noversioncheck]      don't check for new version of QGIS at startup
        [--noplugins]   don't restore plugins on startup
        [--nocustomization]     don't apply GUI customization
        [--customizationfile path]      use the given ini file as GUI customization
        [--globalsettingsfile path]     use the given ini file as Global Settings (defaults)
        [--authdbdirectory path] use the given directory for authentication database
        [--code path]   run the given python file on load
        [--defaultui]   start by resetting user ui settings to default
        [--hide-browser]        hide the browser widget
        [--dxf-export filename.dxf]     emit dxf output of loaded datasets to given file
        [--dxf-extent xmin,ymin,xmax,ymax]      set extent to export to dxf
        [--dxf-symbology-mode none|symbollayer|feature] symbology mode for dxf output
        [--dxf-scale-denom scale]       scale for dxf output
        [--dxf-encoding encoding]       encoding to use for dxf output
        [--dxf-map-theme maptheme]      map theme to use for dxf output
        [--take-screenshots output_path]        take screen shots for the user documentation
        [--screenshots-categories categories]   specify the categories of screenshot to be used (see QgsAppScreenShots::Categories).
        [--profile name]        load a named profile from the user's profiles folder.
        [--profiles-path path]  path to store user profile folders. Will create profiles inside a {path}\profiles folder
        [--version-migration]   force the settings migration from older version if found
        [--openclprogramfolder]         path to the folder containing the sources for OpenCL programs.
        [--help]                this text
        [--]            treat all following arguments as FILEs

  FILE:
    Files specified on the command line can include rasters,
    vectors, and QGIS project files (.qgs and .qgz):
     1. Rasters - supported formats include GeoTiff, DEM
        and others supported by GDAL
     2. Vectors - supported formats include ESRI Shapefiles
        and others supported by OGR and PostgreSQL layers using
        the PostGIS extension

Suggerimento

Esempi di uso degli argomenti delle righe di comando

Puoi avviare QGIS specificando uno o più file di dati sulla riga di comando. Per esempio, supponendo di essere nella directory qgis_sample_data, puoi avviare QGIS con un layer vettoriale e un file raster da caricare all’avvio usando il seguente comando: qgis ./raster/landcover.img ./gml/lakes.gml

9.6.1.1. --version

Questa opzione restituisce Informazioni sulla versione di QGIS.

9.6.1.2. --snapshot

Questa opzione ti permette di creare un’istantanea in formato PNG dalla vista corrente. Questa opzione è utile quando si hanno molti progetti e si desidera generare istantanee dai propri dati, o quando è necessario creare istantanee dello stesso progetto con dati aggiornati.

Attualmente, genera un file PNG con 800x600 pixel. La dimensione può essere regolata usando gli argomenti -width e --height. Il nome del file può essere aggiunto dopo --snapshot. Ad esempio:

qgis --snapshot my_image.png --width 1000 --height 600 --project my_project.qgs

9.6.1.3. --width

Questa opzione restituisce la larghezza dello scatto da emettere (usato con --snapshot`).

9.6.1.4. --height

Questa opzione restituisce l’altezza dello scatto da emettere (usato con --snapshot`).

9.6.1.5. --lang

In base alla tua zona, QGIS seleziona la localizzazione corretta. Se vuoi cambiare la lingua, è possibile specificare un codice lingua. Per esempio, qgis --lang inizia QGIS in localizzazione italiana.

9.6.1.6. --project

È anche possibile avviare QGIS con un file di progetto esistente. Basta aggiungere l’opzione della riga di comando --progetto` seguita dal nome del progetto e QGIS si aprirà con tutti i layer del file caricato.

9.6.1.7. --extent

Per iniziare con una determinata estensione della mappa, utilizza questa opzione. Devi aggiungere il rettangolo di delimitazione della tua estensione nel seguente ordine separato da una virgola:

--extent xmin,ymin,xmax,ymax

Questa opzione ha probabilmente più senso se abbinata all’opzione --project per aprire uno specifico progetto nella estensione desiderata.

9.6.1.9. --noversioncheck

Salta il controllo per nuova versione di QGIS all’avvio.

9.6.1.10. --noplugins

Se hai problemi all’avvio con i plugin, puoi evitare di caricarli all’avvio con questa opzione. In seguito saranno ancora disponibili nel Plugins Manager.

9.6.1.11. --nocustomization

Usando questa opzione, qualsiasi esistente GUI customization non sarà applicata all’avvio. Questo significa che tutti i pulsanti nascosti, le voci di menu, le barre degli strumenti e così via, appariranno all’avvio di QGIS. Questo non è un cambiamento permanente. La personalizzazione verrà applicata di nuovo se QGIS viene lanciato senza questa opzione.

Questa opzione è utile per consentire l’accesso temporaneo agli strumenti che sono stati rimossi tramite personalizzazione.

9.6.1.12. --customizationfile

Utilizzando questa opzione, puoi definire un file di personalizzazione dell’interfaccia utente, che verrà utilizzato all’avvio.

9.6.1.13. --globalsettingsfile

Utilizzando questa opzione, puoi specificare il percorso di un file di impostazioni globali (.ini`), noto anche come Impostazioni predefinite. Le impostazioni nel file specificato sostituiscono quelle originali predefinite in linea, ma le impostazioni dei profili utente saranno impostate sopra di esse. Le impostazioni globali predefinite si trovano in your_QGIS_PKG_PKG_path/resources/qgis_global_settings.ini.

Attualmente, non c’è modo di specificare un file su cui scrivere le impostazioni; pertanto, è possibile creare una copia di un file di impostazioni originale, rinominarlo e adattarlo.

Impostando il percorso qgis_global_setting.ini in una cartella condivisa in rete, permette ad un amministratore di sistema di cambiare le impostazioni globali e le impostazioni predefinite in diverse macchine modificando un solo file.

La variabile d’ambiente equivalente è QGIS_GLOBAL_SETTINGS_FILE.

9.6.1.14. --authdbdirectory

Questa opzione è simile a --globalsettingsfile, ma definisce il percorso della directory dove sarà memorizzato e caricato il database di autenticazione.

9.6.1.15. --code

Questa opzione può essere usata per eseguire un dato file python direttamente dopo l’avvio di QGIS.

Per esempio, quando si ha un file python chiamato load_alaska.py con il seguente contenuto:

from qgis.utils import iface
raster_file = "/home/gisadmin/Documents/qgis_sample_data/raster/landcover.img"
layer_name = "Alaska"
iface.addRasterLayer(raster_file, layer_name)

Supponendo che sei nella directory dove si trova il file load_alaska.py, puoi avviare QGIS, caricare il file raster landcover.img e dare al layer il nome “Alaska” usando il seguente comando:

qgis --code load_alaska.py

9.6.1.16. --defaultui

Al caricamento, resetta permanentemente l’interfaccia utente (UI) alle impostazioni predefinite. Questa opzione ripristina la visibilità, la posizione e le dimensioni dei pannelli e delle barre degli strumenti. A meno che non venga modificata di nuovo, le impostazioni predefinite dell’interfaccia utente verranno utilizzate nelle sessioni successive.

Nota che questa opzione non ha alcun effetto su GUI customization. Gli elementi nascosti dalla personalizzazione dell’interfaccia grafica (ad esempio la barra di stato) rimarranno nascosti anche utilizzando l’opzione --defaultui`. Vedi anche l'opzione ``--nocustomization.

9.6.1.17. --hide-browser

Al caricamento, nasconde il pannello Browser dall’interfaccia utente. Il pannello può essere abilitato cliccando con il tasto destro del mouse su uno spazio nella barra degli strumenti o usando la voce Visualizza ► Pannelli (Impostazioni ► Pannelli in kde Linux KDE).

A meno che non sia di nuovo abilitato, il pannello Browser rimarrà nascosto nelle sessioni successive.

9.6.1.18. --dxf-*

Queste opzioni possono essere utilizzate per esportare un progetto QGIS in un file DXF. Sono disponibili diverse opzioni:

  • –dxf-export: il nome del file DXF in cui esportare i layer;

  • –dxf-extent: l’estensione del file DXF finale;

  • –dxf-symbology-mode: qui è possibile utilizzare diversi valori: none (nessuna simbologia), symbollayer (simbologia a livello simbolo), feature (simbologia dell’elemento);

  • –dxf-scale-deno: il denominatore della scala della simbologia;

  • –dxf-encoding: la codifica del file;

  • –dxf-map-theme: sceglie un map theme dalla lista della configurazione layer.

9.6.1.19. --take-screenshots

Acquisisce schermate per la documentazione utente. Può essere usato insieme a --screenshots-categories per filtrare quali categorie o sezioni delle schermate della documentazione dovrebbero essere create (vedi QgsAppScreenShots::Categories).

9.6.1.20. --profile

Carica QGIS utilizzando un profilo specifico dalla cartella del profilo dell’utente. Se non viene modificato, il profilo selezionato verrà utilizzato nelle seguenti sessioni QGIS.

9.6.1.21. --profiles-path

Con questa opzione, puoi scegliere un percorso per caricare e salvare i profili (impostazioni utente). Crea profili all’interno di una cartella {path}\profiles, che include impostazioni, plugin installati, modelli di elaborazione e script, e così via.

Questa opzione ti permette, ad esempio, di memorizzare tutti i plugin e le impostazioni in un’unità flash o, ad esempio, di condividere le impostazioni tra computer diversi utilizzando un servizio di condivisione file.

La variabile d’ambiente equivalente è QGIS_CUSTOM_CONFIG_PATH.

9.6.1.22. --version-migration

Se vengono trovate le impostazioni di una versione precedente (e.g., la cartella .qgis2 da QGIS 2.18), questa opzione le importerà nel profilo QGIS predefinito.

9.6.1.23. --openclprogramfolder

Utilizzando questa opzione, puoi specificare un percorso alternativo per i programmi OpenCL. Questo è utile per gli sviluppatori mentre testano nuove versioni dei programmi senza dover sostituire quelle esistenti.

La variabile d’ambiente equivalente è QGIS_OPENCL_PROGRAM_FOLDER.

9.6.2. Distribuzione di QGIS all’interno di un’organizzazione

Se devi installare QGIS all’interno di un’organizzazione con un file di configurazione personalizzato, devi prima copiare/incollare il contenuto del file delle impostazioni predefinite che si trova in your_QGIS_PKG_PKG_path/resources/qgis_global_settings.ini. Questo file contiene già alcune sezioni predefinite identificate da un blocco che inizia con []. Consigliamo di mantenere questi valori predefiniti e di aggiungere le proprie sezioni in fondo al file. Se una sezione è duplicata nel file, QGIS prenderà l’ultima dall’alto verso il basso

Puoi cambiare allowVersionCheck=false per disabilitare il controllo della versione di QGIS.

Se non vuoi visualizzare la finestra di migrazione dopo una nuova installazione, devi usare la seguente sezione:

[migration]
fileVersion=2
settings=true

Se vuoi aggiungere una variabile personalizzata a livello globale:

[variables]
organisation="Your organization"

Per scoprire le possibili impostazioni del file INI, vi suggeriamo di impostare la configurazione che vuoi in QGIS Desktop e poi di cercarla nel tuo file INI che si trova nel tuo profilo utilizzando un editor di testo. Molte impostazioni possono essere idefinite usando il file INI come WMS/WMTS, connessioni PostGIS, impostazioni proxy, maptips…

Infine, devi impostare la variabile d’ambiente QGIS_GLOBAL_SETTINGS_FILE al percorso del tuo file personalizzato.

Inoltre, puoi anche installare file come macro Python, tavolozze di colori, modelli di layout, modelli di progetto…. nella cartella di sistema QGIS o nel profilo utente QGIS

  • I modelli di layout devono essere installati nella cartella composer_templates.

  • I modelli di progetto devono essere installati nella cartella project_templates.

  • Le macro Python personalizzate devono essere installate nella cartella python.