24.4.1. Analisi di base della rete

24.4.1.1. Area di Contribuzione D-Infinity

Calcola una griglia di uno specifico bacino che è l’area di contribuzione per unità di lunghezza del contorno usando l’approccio D-infinity a direzione di flusso multipla. La direzione di flusso D-infinito è definita come la più ripida pendenza verso il basso su sfaccettature triangolari planari su una griglia centrata sul blocco. Il contributo ad ogni cella della griglia viene preso come la lunghezza della cella della griglia (o quando viene usato un ingresso opzionale per la griglia, dal peso griglia). L’area contribuente di ogni cella della griglia è quindi presa come il suo contributo più il contributo dei vicini a monte che hanno qualche frazione che drena ad essa secondo il modello di flusso D-infinito. Il flusso da ogni cella o drena tutto ad un vicino, se l’angolo cade lungo una direzione cardinale (0, π/2, π, 3π/2) o ordinale (π/4, 3π/4, 5π/4, 7π/4), o è su un angolo che cade tra l’angolo diretto a due vicini adiacenti. In quest’ultimo caso il flusso è proporzionato tra queste due celle vicine in base a quanto l’angolo della direzione del flusso è vicino all’angolo diretto a queste celle. La lunghezza del contorno usata qui è la dimensione della cella della griglia. Le unità risultanti del bacino specifico sono unità di lunghezza uguali a quelle della dimensione della cella della griglia.

../../../../_images/tardemfig.png

Quando la griglia opzionale non viene utilizzata, il risultato viene riportato in termini di area specifica del bacino idrografico, l’area in pendenza per unità di lunghezza della curva di livello, presa qui come il numero di celle per la lunghezza della cella della griglia (area della cella divisa per la lunghezza della cella). Questo presuppone che la lunghezza delle celle della griglia sia la lunghezza effettiva del contorno, nella definizione dell’area specifica del bacino e non distingue alcuna differenza nella lunghezza del contorno dipendente dalla direzione del flusso. Quando si usa la griglia opzionale dei pesi, il risultato viene riportato direttamente come sommatoria dei pesi, senza alcuna correzione in scala.

Se viene utilizzato lo shapefile opzionale del punto di efflusso, solo le celle di efflusso e le celle a monte (per il modello di flusso D-infinity) di esse sono nel dominio da valutare.

Per impostazione predefinita, lo strumento controlla la contaminazione dei bordi. Questo è definito come la possibilità che un valore di un’area contributiva possa essere sottostimato a causa di celle della griglia al di fuori del dominio che non vengono contate. Questo si verifica quando il drenaggio è verso l’interno dei confini o delle aree con valori di elevazione «n data». L’algoritmo lo riconosce e riporta «nessun dato» per l’area contribuente. È comune vedere strisce di valori «no data» che si estendono verso l’interno dai confini lungo i percorsi di flusso che entrano nel dominio da un confine. Questo è l’effetto desiderato e indica che l’area contributiva per queste celle della griglia è sconosciuta a causa della sua dipendenza dal terreno al di fuori del dominio dei dati disponibili. Il controllo della contaminazione dei bordi può essere disattivato nei casi in cui sai che non è un problema o vuoi ignorare questi problemi, se per esempio, il DEM è stato ritagliato lungo il contorno di uno spartiacque.

24.4.1.1.1. Parametri

Etichetta

Nome

Tipo

Descrizione

Direzioni di flusso D-infinity

DINF_FLOWDIR

[raster]

Una griglia di direzioni di flusso basata sul metodo del flusso D-infinito usando la pendenza più ripida di una sfaccettatura triangolare. La direzione del flusso è determinata come la direzione della pendenza più ripida verso il basso sulle 8 sfaccettature triangolari di una griglia centrata su un blocco 3x3. La direzione del flusso è codificata come un angolo in radianti, in senso antiorario da est come una quantità continua (in virgola mobile) tra 0 e 2π. Il flusso risultante in una griglia è quindi solitamente interpretato come proporzionato tra le due celle vicine che definiscono la sfaccettatura triangolare con la pendenza più ripida verso il basso.

Uscite

Opzionale

OUTLETS

[vector: point]

Uno shapefile di punti che definisce gli sbocchi di interesse. Se è usato questo file in ingresso, solo le celle a monte di queste celle di uscita sono considerate all’interno del dominio da valutare.

Peso griglia

Opzionale

WEIGHT_GRID

[raster]

Una griglia che dà il contributo al flusso per ogni cella. Questi contributi (a volte indicati anche come pesi o carichi) sono usati nell’accumulo dell’area contribuente. Se questo file di input non viene utilizzato, il risultato viene riportato in termini di area specifica del bacino (l’area di versante per unità di lunghezza della curva di livello) presa come il numero di celle per la lunghezza della cella della griglia (area della cella divisa per la lunghezza della cella).

Verifica contaminazione dei bordi

EDGE_CONTAMINATION

[boolean]

Predefinito: True

Un flag che indica se lo strumento deve controllare la contaminazione dei bordi. La contaminazione dei bordi è definita come la possibilità che un valore dell’area contributiva possa essere sottostimato a causa del fatto che le celle della griglia al di fuori del dominio non sono state valutate. Questo si verifica quando il drenaggio è verso l’interno dei confini o delle aree con valori NODATA per la quota. L’algoritmo riconosce questo e riporta NODATA per le celle impattate. È comune vedere strisce di valori NODATA che si estendono verso l’interno dai confini lungo i percorsi di flusso che entrano nel dominio da un confine. Questo è l’effetto desiderato e indica che l’area che contribuisce a queste celle della griglia è sconosciuta a causa del fatto che dipende dal terreno al di fuori del dominio dei dati disponibili. Il controllo della contaminazione dei bordi può essere disattivato nei casi in cui sai che questo non è un problema, o vuoi ignorare questi problemi, se per esempio, il DEM è stato tagliato lungo il contorno di un bacino idrografico.

Bacino di raccolta specifico D-infinity

DINF_CONTRIB_AREA

[raster]

Predefinito: [Save to temporary file]

Indicazione del raster in uscita. Uno di:

  • Salva come File Temporaneo

  • Salva come File…

La codifica del file può anche essere cambiata qui.

24.4.1.1.2. In uscita:

Etichetta

Nome

Tipo

Descrizione

Bacino di raccolta specifico D-infinity

DINF_CONTRIB_AREA

[raster]

Una griglia di area specifica del bacino idrografico che è l’area contributiva per unità di lunghezza delle curve di livello utilizzando l’approccio D-infinity a direzione di flusso multipla. L’area contributiva di ogni cella della griglia è quindi presa come il suo proprio contributo più il contributo dei vicini a monte che hanno qualche frazione che drena ad essa secondo il modello di flusso D-infinity.

ID Algoritmo: taudem:areadinf

import processing
processing.run("algorithm_id", {parameter_dictionary})

L” id algoritmo viene visualizzato quando si passa il mouse sull’algoritmo nella finestra degli strumenti di Processing. Il dizionario dei parametri fornisce i Nomi e i valori dei parametri. Vedi Usare gli algoritmi di Processing dalla console dei comandi per dettagli su come eseguire algoritmi di processing dalla console Python.

24.4.1.2. Direzioni di flusso D-Infinity

Assegna una direzione di flusso basata sul metodo del flusso D-infinity usando la pendenza più ripida di una sfaccettatura triangolare (Tarboton, 1997, «A New Method for the Determination of Flow Directions and Contributing Areas in Grid Digital Elevation Models», Water Resources Research, 33(2): 309-319). La direzione del flusso è definita come la più ripida pendenza verso il basso su sfaccettature triangolari planari su una griglia centrata a blocchi. La direzione del flusso è codificata come un angolo in radianti in senso antiorario da est come una quantità continua (in virgola mobile) tra 0 e 2π. L’angolo di direzione del flusso è determinato come la direzione della più ripida pendenza verso il basso sulle otto sfaccettature triangolari formate in una finestra di 3 x 3 celle della griglia centrata sulla cella della griglia di interesse. Il flusso risultante in una griglia è quindi solitamente interpretato come proporzionato tra le due celle vicine che definiscono la sfaccettatura triangolare con la pendenza più ripida verso il basso.

../../../../_images/tardemfig.png

Una rappresentazione centrata sul blocco è usata con ogni valore di elevazione preso per rappresentare l’elevazione del centro della cella della griglia corrispondente. Otto sfaccettature triangolari planari sono formate tra ogni cella della griglia e i suoi otto vicini. Ognuno di questi ha un vettore di pendenza che quando viene disegnato verso l’esterno dal centro può essere ad un angolo che si trova all’interno o all’esterno della gamma di angoli di 45 gradi (π/4 radianti) della sfaccettatura nel punto centrale. Se l’angolo del vettore di pendenza è all’interno dell’angolo della sfaccettatura, rappresenta la direzione più ripida del flusso su quella sfaccettatura. Se l’angolo del vettore pendenza è fuori da una sfaccettatura, la direzione del flusso più ripida associata a quella sfaccettatura è presa lungo il bordo più ripido. La pendenza e la direzione del flusso associate alla cella della griglia sono prese come la grandezza e la direzione del vettore più ripido verso il basso da tutte le otto sfaccettature. La pendenza è misurata come caduta/distanza, ad esempio tan dell’angolo di pendenza.

Nel caso in cui nessun vettore di pendenza sia positivo (downslope), la direzione del flusso è impostata utilizzando il metodo di Garbrecht e Martz (1997) per la determinazione del flusso attraverso aree piane. Questo fa sì che le aree pianeggianti drenino lontano dall’alto e verso il basso. La griglia del percorso del flusso per imporre il drenaggio lungo i corsi d’acqua esistenti è un input opzionale e, se usato, ha la precedenza sulle quote per l’impostazione delle direzioni del flusso.

L’algoritmo della direzione di flusso D-infinito può essere applicato a un DEM che non ha avuto i suoi buchi riempiti, ma risulterà poi in valori «no data» per la direzione di flusso D-infinito e la pendenza associata al punto più basso del buco.

24.4.1.2.1. Parametri

Etichetta

Nome

Tipo

Descrizione

Elevazione piena di fosse

PIT_FILLED

[raster]

Una griglia di valori di elevazione. Questo è di solito l’output dello strumento «Pit Remove «, nel qual caso si tratta di quote con buche rimosse. Le buche sono aree a bassa quota nei modelli digitali di elevazione (DEM) che sono completamente circondate da terreno più alto. Sono generalmente considerati artefatti del processo di digitalizzazione che interferiscono con l’elaborazione del flusso attraverso i DEM. Quindi vengono rimossi aumentando la loro elevazione fino al punto in cui si allontanano dal dominio. Questo passo non è essenziale se hai ragione di credere che le buche nel tuo DEM siano reali. Se alcune buche esistono realmente e quindi non dovrebbero essere rimosse, mentre allo stesso tempo si ritiene che altre siano artefatti che devono essere rimossi, le buche reali dovrebbero avere valori di elevazione NODATA inseriti nel loro punto più basso. I valori NODATA servono a definire i bordi del dominio nel campo del flusso, e le elevazioni sono sollevate solo dove il flusso è fuori da un bordo, quindi un valore NODATA interno impedirà la rimozione di una buca, se necessario.

Direzioni di flusso D-infinity

DINF_FLOWDIR

[raster]

Predefinito: [Save to temporary file]

Indicazione del raster della direzione del flusso in uscita. Uno di:

  • Salva come File Temporaneo

  • Salva come File…

La codifica del file può anche essere cambiata qui.

Pendenza D-infinity

DINF_SLOPE

[raster]

Predefinito: [Save to temporary file]

Indicazione del raster della pendenza in uscita. Uno di:

  • Salva come File Temporaneo

  • Salva come File…

La codifica del file può anche essere cambiata qui.

24.4.1.2.2. In uscita:

Etichetta

Nome

Tipo

Descrizione

Direzioni di flusso D-infinity

DINF_FLOWDIR

[raster]

Una griglia di direzioni di flusso basata sul metodo del flusso D-infinito usando la pendenza più ripida di una sfaccettatura triangolare. La direzione del flusso è determinata come la direzione della pendenza più ripida verso il basso sulle 8 sfaccettature triangolari di una griglia centrata su un blocco 3x3. La direzione del flusso è codificata come un angolo in radianti, in senso antiorario da est come una quantità continua (in virgola mobile) tra 0 e 2π. Il flusso risultante in una griglia è quindi solitamente interpretato come proporzionato tra le due celle vicine che definiscono la sfaccettatura triangolare con la pendenza più ripida verso il basso.

Pendenza D-infinity

DINF_SLOPE

[raster]

Un grigliato di pendenza valutato usando il metodo D-infinito descritto in Tarboton, D. G., (1997), «A New Method for the Determination of Flow Directions and Contributing Areas in Grid Digital Elevation Models», Water Resources Research, 33(2): 309-319. Questa è la pendenza più ripida verso l’esterno su una delle otto sfaccettature triangolari centrate in ogni cella della griglia, misurata come dislivello/distanza, cioè tan dell’angolo di inclinazione.

ID Algoritmo: taudem:dinfflowdir

import processing
processing.run("algorithm_id", {parameter_dictionary})

L” id algoritmo viene visualizzato quando si passa il mouse sull’algoritmo nella finestra degli strumenti di Processing. Il dizionario dei parametri fornisce i Nomi e i valori dei parametri. Vedi Usare gli algoritmi di Processing dalla console dei comandi per dettagli su come eseguire algoritmi di processing dalla console Python.

24.4.1.3. D8 Area di contribuzione

Calcola una griglia di aree contribuenti usando il modello di flusso D8 a direzione singola. Il contributo di ogni cella della griglia è preso come uno (o quando si usa la griglia opzionale dei pesi, il valore della griglia dei pesi). L’area contributiva per ogni cella della griglia è considerata come il proprio contributo più il contributo dei vicini a monte che drenano in essa secondo il modello di flusso D8.

Se viene utilizzato lo shapefile opzionale del punto di uscita, solo le celle di uscita e le celle a monte (dal modello di flusso D8) di esse sono nel dominio da valutare.

Per impostazione predefinita, lo strumento controlla la contaminazione dei bordi. Questo è definito come la possibilità che un valore di un’area contributiva possa essere sottostimato a causa di celle della griglia al di fuori del dominio che non vengono contate. Questo si verifica quando il drenaggio è verso l’interno dei confini o delle aree con valori di elevazione «senza dati». L’algoritmo lo riconosce e riporta «no data» per l’area contribuente. È comune vedere strisce di valori «no data» che si estendono verso l’interno dai confini lungo i percorsi di flusso che entrano nel dominio da un confine. Questo è l’effetto desiderato e indica che l’area contributiva per queste celle della griglia è sconosciuta a causa della sua dipendenza dal terreno al di fuori del dominio dei dati disponibili. Il controllo della contaminazione dei bordi può essere disattivato nei casi in cui sai che questo non è un problema o vuoi ignorare questi problemi, se per esempio, il DEM è stato ritagliato lungo il contorno di uno spartiacque.

24.4.1.3.1. Parametri

Etichetta

Nome

Tipo

Descrizione

D8 direzioni di flusso

D8_FLOWDIR

[raster]

Una griglia di direzioni di flusso D8 che sono definite, per ogni cella, come la direzione di uno dei suoi otto vicini adiacenti o diagonali con la pendenza più ripida verso il basso. Questa griglia può essere ottenuta come risultato dello strumento «D8 Flow Directions «.

Uscite

Opzionale

OUTLETS

[vector: point]

Uno shapefile di punti che definisce gli sbocchi di interesse. Se è usato questo file in ingresso, solo le celle a monte di queste celle di uscita sono considerate all’interno del dominio da valutare.

Peso griglia

Opzionale

WEIGHT_GRID

[raster]

Una griglia che dà il contributo al flusso per ogni cella. Questi contributi (a volte indicati anche come pesi o carichi) sono usati nell’accumulo dell’area contribuente. Se questo file in ingresso non viene utilizzato, il contributo al flusso sarà assunto come uno per ogni cella della griglia.

Verifica contaminazione dei bordi

EDGE_CONTAMINATION

[boolean]

Predefinito: True

Un flag che indica se lo strumento deve controllare la contaminazione dei bordi. La contaminazione dei bordi è definita come la possibilità che un valore dell’area contributiva possa essere sottostimato a causa del fatto che le celle della griglia al di fuori del dominio non sono state valutate. Questo si verifica quando il drenaggio è verso l’interno dei confini o delle aree con valori NODATA per la quota. L’algoritmo riconosce questo e riporta NODATA per le celle impattate. È comune vedere strisce di valori NODATA che si estendono verso l’interno dai confini lungo i percorsi di flusso che entrano nel dominio da un confine. Questo è l’effetto desiderato e indica che l’area che contribuisce a queste celle della griglia è sconosciuta a causa del fatto che dipende dal terreno al di fuori del dominio dei dati disponibili. Il controllo della contaminazione dei bordi può essere disattivato nei casi in cui sai che questo non è un problema, o vuoi ignorare questi problemi, se per esempio, il DEM è stato tagliato lungo il contorno di un bacino idrografico.

D8 bacino di utenza specifico

D8_CONTRIB_AREA

[raster]

Predefinito: [Save to temporary file]

Indicazione del raster in uscita. Uno di:

  • Salva come File Temporaneo

  • Salva come File…

La codifica del file può anche essere cambiata qui.

24.4.1.3.2. In uscita:

Etichetta

Nome

Tipo

Descrizione

D8 bacino di utenza specifico

D8_CONTRIB_AREA

[raster]

Una griglia di valori di area contribuente calcolata come il contributo proprio della cella più il contributo dei vicini a monte che drenano in essa secondo il modello di flusso D8.

ID Algoritmo: taudem:aread8

import processing
processing.run("algorithm_id", {parameter_dictionary})

L” id algoritmo viene visualizzato quando si passa il mouse sull’algoritmo nella finestra degli strumenti di Processing. Il dizionario dei parametri fornisce i Nomi e i valori dei parametri. Vedi Usare gli algoritmi di Processing dalla console dei comandi per dettagli su come eseguire algoritmi di processing dalla console Python.

24.4.1.4. D8 Direzioni di flusso

Crea 2 griglie. La prima contiene la direzione del flusso da ogni cella della griglia a uno dei suoi vicini adiacenti o diagonali, calcolata usando la direzione della discesa più ripida. La seconda contiene la pendenza, valutata nella direzione della discesa più ripida, ed è riportata come caduta/distanza, cioè tan dell’angolo. La direzione del flusso è riportata come NODATA per ogni cella della griglia adiacente al bordo del dominio DEM, o adiacente a un valore NODATA nel DEM. Nelle aree pianeggianti, le direzioni del flusso sono assegnate lontano dal terreno più alto e verso il terreno più basso usando il metodo di Garbrecht e Martz (1997). L’algoritmo di direzione del flusso D8 può essere applicato a un DEM che non ha avuto i suoi buchi riempiti, ma risulterà in valori NODATA per la direzione del flusso e la pendenza nel punto più basso di ogni buco.

D8 Codifica della direzione del flusso:

  • 1 — Est

  • 2 — Nord Est

  • 3 — Nord

  • 4 — Nord Ovest

  • 5 — Ovest

  • 6 — Sud Ovest

  • 7 — Sud

  • 8 — Sud Est

../../../../_images/d8index.png

L’instradamento della direzione del flusso attraverso le aree piane viene eseguito secondo il metodo descritto da Garbrecht, J. e L. W. Martz, (1997), «The Assignment of Drainage Direction Over Flat Surfaces in Raster Digital Elevation Models», Journal of Hydrology, 193: 204-213.

24.4.1.4.1. Parametri

Etichetta

Nome

Tipo

Descrizione

Elevazione piena di fosse

PIT_FILLED

[raster]

Una griglia di valori di elevazione. Questo è di solito l’output dello strumento «Pit Remove «, nel qual caso si tratta di quote con buche rimosse. Le buche sono aree a bassa quota nei modelli digitali di elevazione (DEM) che sono completamente circondate da terreno più alto. Sono generalmente considerati artefatti del processo di digitalizzazione che interferiscono con l’elaborazione del flusso attraverso i DEM. Quindi vengono rimossi aumentando la loro elevazione fino al punto in cui si allontanano dal dominio. Questo passo non è essenziale se hai ragione di credere che le buche nel tuo DEM siano reali. Se alcune buche esistono realmente e quindi non dovrebbero essere rimosse, mentre allo stesso tempo si ritiene che altre siano artefatti che devono essere rimossi, le buche reali dovrebbero avere valori di elevazione NODATA inseriti nel loro punto più basso. I valori NODATA servono a definire i bordi del dominio nel campo del flusso, e le elevazioni sono sollevate solo dove il flusso è fuori da un bordo, quindi un valore NODATA interno impedirà la rimozione di una buca, se necessario.

D8 direzioni di flusso

D8_FLOWDIR

[raster]

Predefinito: [Save to temporary file]

Indicazione del raster della direzione del flusso in uscita. Uno di:

  • Salva come File Temporaneo

  • Salva come File…

La codifica del file può anche essere cambiata qui.

D8 pendenza

D8_SLOPE

[raster]

Predefinito: [Save to temporary file]

Indicazione del raster della pendenza in uscita. Uno di:

  • Salva come File Temporaneo

  • Salva come File…

La codifica del file può anche essere cambiata qui.

24.4.1.4.2. In uscita:

Etichetta

Nome

Tipo

Descrizione

D8 direzioni di flusso

D8_FLOWDIR

[raster]

Una griglia di direzioni di flusso D8 che sono definite, per ogni cella, come la direzione di uno delle sue otto celle adiacenti o in diagonale con la pendenza più ripida verso il basso.

D8 pendenza

D8_SLOPE

[raster]

Una griglia che dà la pendenza nella direzione del flusso D8. Questo è misurato come caduta/distanza.

ID Algoritmo: taudem:d8flowdir

import processing
processing.run("algorithm_id", {parameter_dictionary})

L” id algoritmo viene visualizzato quando si passa il mouse sull’algoritmo nella finestra degli strumenti di Processing. Il dizionario dei parametri fornisce i Nomi e i valori dei parametri. Vedi Usare gli algoritmi di Processing dalla console dei comandi per dettagli su come eseguire algoritmi di processing dalla console Python.

24.4.1.5. Griglia della rete

Crea 3 griglie che contengono per ogni cella della griglia 1) il percorso più lungo, 2) il percorso totale, e 3) il numero d’ordine di Strahler. Questi valori sono derivati dalla rete definita dal modello di flusso D8.

La lunghezza più lunga del percorso a monte è la lunghezza del percorso del flusso dalla cella più lontana che drena in ogni cella. La lunghezza totale del percorso a monte è la lunghezza dell’intera rete a griglia a monte di ogni cella della griglia. Le lunghezze sono misurate tra i centri delle celle tenendo conto delle dimensioni delle celle e del fatto che la direzione sia adiacente o diagonale.

L’ordine di Strahler è definito come segue: Una rete di percorsi di flusso è definita dalla griglia D8 Flow Direction. I percorsi di flusso sorgente hanno un numero d’ordine Strahler di uno. Quando due percorsi di flusso di ordine diverso si uniscono, l’ordine del percorso di flusso a valle è l’ordine del percorso di flusso in entrata più alto. Quando due percorsi di flusso di ordine uguale si uniscono, l’ordine del percorso di flusso a valle è aumentato di 1. Quando più di due percorsi di flusso si uniscono, l’ordine del percorso di flusso a valle è calcolato come il massimo dell’ordine del percorso di flusso in entrata più alto o il secondo ordine del percorso di flusso in entrata più alto + 1. Questo generalizza la definizione comune ai casi in cui più di due percorsi di flusso si uniscono in un punto.

Quando sono inseriti in ingresso la griglia maschera opzionale e il valore di soglia, la funzione viene valutata solo considerando le celle della griglia che si trovano nel dominio con un valore della griglia della maschera maggiore o uguale al valore di soglia. Le celle della griglia di origine (primo ordine) sono prese come quelle che non hanno altre celle della griglia dall’interno del dominio che drenano in esse, e solo quando due di questi percorsi di flusso si uniscono viene propagato l’ordine secondo le regole di ordinamento. Le lunghezze sono anche valutate solo contando i percorsi all’interno del dominio maggiori o uguali alla soglia.

Se viene utilizzato lo shapefile opzionale del punto di uscita, solo le celle di uscita e le celle a monte (dal modello di flusso D8) di esse sono nel dominio da valutare.

24.4.1.5.1. Parametri

Etichetta

Nome

Tipo

Descrizione

D8 direzioni di flusso

D8_FLOWDIR

[raster]

Una griglia di direzioni di flusso D8 che sono definite, per ogni cella, come la direzione di uno dei suoi otto vicini adiacenti o diagonali con la pendenza più ripida verso il basso. Questa griglia può essere ottenuta come risultato dello strumento «D8 Flow Directions «.

Griglia maschera

Opzionale

MASK_GRID

[raster]

Una griglia che viene utilizzata per determinare il dominio da analizzare. Se il valore della griglia della maschera >= soglia della maschera (vedi sotto), allora la cella sarà inclusa nel dominio. Mentre questo strumento non ha un flag di contaminazione dei bordi, se l’analisi della contaminazione dei bordi è necessaria, allora una griglia di maschera da una funzione come «D8 Contributing Area « che supporta la contaminazione dei bordi può essere utilizzata per ottenere lo stesso risultato.

Maschera soglia

Opzionale

THRESHOLD

[number]

Predefinito: 100.0

Questo parametro in ingresso è usato nel calcolo valore della griglia della maschera >= soglia della maschera per determinare se la cella della griglia è nel dominio da analizzare.

Uscite

Opzionale

OUTLETS

[vector: point]

Uno shapefile di punti che definisce gli sbocchi di interesse. Se è usato questo file in ingresso, solo le celle a monte di queste celle di uscita sono considerate all’interno del dominio da valutare.

Lunghezza di pendenza più lunga

LONGEST_PATH

[raster]

Predefinito: [Save to temporary file]

Indicazione del raster in uscita con le lunghezze totali di pendenza. Uno di:

  • Salva come File Temporaneo

  • Salva come File…

La codifica del file può anche essere cambiata qui.

Lunghezza totale pendenza

TOTAL_PATH

[raster]

Predefinito: [Save to temporary file]

Indicazione del raster in uscita con le lunghezze di pendenza. Uno di:

  • Salva come File Temporaneo

  • Salva come File…

La codifica del file può anche essere cambiata qui.

Ordine rete Strahler

STRAHLER_ORDER

[raster]

Predefinito: [Save to temporary file]

Indicazione del raster in uscita con l’ordine della rete di Strahler. Uno di:

  • Salva come File Temporaneo

  • Salva come File…

La codifica del file può anche essere cambiata qui.

24.4.1.5.2. In uscita:

Etichetta

Nome

Tipo

Descrizione

Lunghezza di pendenza più lunga

LONGEST_PATH

[raster]

Una griglia che fornisce la lunghezza del più lungo percorso di flusso D8 a monte che termina in ogni cella della griglia. Le lunghezze sono misurate tra i centri delle celle tenendo conto delle dimensioni delle celle e del fatto che la direzione sia adiacente o diagonale.

Lunghezza totale pendenza

TOTAL_PATH

[raster]

La lunghezza totale del percorso in pendenza è la lunghezza dell’intera rete della griglia di flusso D8 a monte di ogni cella della griglia. Le lunghezze sono misurate tra i centri delle celle tenendo conto delle dimensioni della cella e del fatto che la direzione sia adiacente o diagonale.

Ordine rete Strahler

STRAHLER_ORDER

[raster]

Una griglia che dà il numero d’ordine Strahler per ogni cella. Una rete di percorsi di flusso è definita dalla griglia D8 Flow Direction. I percorsi di flusso sorgente hanno un numero d’ordine Strahler di uno. Quando due percorsi di flusso di ordine diverso si uniscono, l’ordine del percorso di flusso a valle è l’ordine del più alto percorso di flusso in entrata. Quando due percorsi di flusso di ordine uguale si uniscono, l’ordine del percorso di flusso a valle è aumentato di 1. Quando più di due percorsi di flusso si uniscono, l’ordine del percorso di flusso a valle è calcolato come il massimo dell’ordine del percorso di flusso in entrata più alto o il secondo ordine del percorso di flusso in entrata più alto + 1. Questo generalizza la definizione comune ai casi in cui più di due percorsi di flusso si uniscono in un punto.

ID Algoritmo: taudem:gridnet

import processing
processing.run("algorithm_id", {parameter_dictionary})

L” id algoritmo viene visualizzato quando si passa il mouse sull’algoritmo nella finestra degli strumenti di Processing. Il dizionario dei parametri fornisce i Nomi e i valori dei parametri. Vedi Usare gli algoritmi di Processing dalla console dei comandi per dettagli su come eseguire algoritmi di processing dalla console Python.

24.4.1.6. Rimuovere buca

Identifica tutte le buche nel DEM e alza la loro quota al livello del punto di versamento più basso intorno al loro bordo. Le buche sono aree a bassa quota nei modelli digitali di elevazione (DEM) che sono completamente circondate da terreno più alto. Sono generalmente considerati artefatti che interferiscono con il percorso del flusso attraverso i DEM, quindi vengono rimossi alzando la loro elevazione fino al punto in cui drenano dal bordo del dominio. Il punto di versamento è il punto più basso sul confine dello «spartiacque» che drena alla fossa. Questo passo non è essenziale se avete ragione di credere che le fosse nel vostro DEM siano reali. Se alcune buche esistono davvero e quindi non dovrebbero essere rimosse, mentre allo stesso tempo si ritiene che altre siano artefatti che devono essere rimossi, le buche reali dovrebbero avere valori di elevazione NODATA inseriti nel loro punto più basso. I valori NODATA servono a definire i bordi nel dominio, e le elevazioni sono sollevate solo dove il flusso è fuori da un bordo, quindi un valore NODATA interno impedirà la rimozione di una buca, se necessario.

24.4.1.6.1. Parametri

Etichetta

Nome

Tipo

Descrizione

Elevazione

ELEVATION

[raster]

Una griglia del modello di elevazione digitale (DEM) per servire come input di base per l’analisi geomorfologica e la delineazione dei flussi.

Maschera di depressione

Opzionale

DEPRESSION_MASK

[raster]

Considera i vicini solo a 4 vie

FOUR_NEIGHBOURS

[boolean]

Predefinito: False

Elevazione buca rimossa

PIT_FILLED

[raster]

Predefinito: [Save to temporary file]

Indicazione del raster in uscita (buche riempite). Uno di:

  • Salva come File Temporaneo

  • Salva come File…

La codifica del file può anche essere cambiata qui.

24.4.1.6.2. In uscita:

Etichetta

Nome

Tipo

Descrizione

Elevazione buca rimossa

PIT_FILLED

[raster]

Una griglia di valori di elevazione con buche rimosse in modo che il flusso sia instradato fuori dal dominio.

ID Algoritmo: taudem:pitremove

import processing
processing.run("algorithm_id", {parameter_dictionary})

L” id algoritmo viene visualizzato quando si passa il mouse sull’algoritmo nella finestra degli strumenti di Processing. Il dizionario dei parametri fornisce i Nomi e i valori dei parametri. Vedi Usare gli algoritmi di Processing dalla console dei comandi per dettagli su come eseguire algoritmi di processing dalla console Python.