Outdated version of the documentation. Find the latest one here.

Lavorare con i dati OGC

QGIS supporta sorgenti di dati WMS e WFS.

Cosa sono i dati OGC

L’Open Geospatial Consortium (OGC), è un’organizzazione internazionale che raggruppa più di 300 organizzazioni commerciali, governative, nonprofit e di ricerca. I suoi membri sviluppano e implementano standard per contenuti e servizi geospaziali, analisi GIS e scambio dati.

OGC ha elaborato un numero crescente di specifiche per la descrizione di un modello dati di base per elementi geografici: le specifiche sono orientate a garantire l’interoperabilità nell’ambito della tecnologia geospaziale. Ulteriori informazioni all’indirizzo http://www.opengeospatial.org/.

Importanti specifiche OGC sono:

  • WMS — Web Map Service
  • WFS — Web Feature Service
  • WCS — Web Coverage Service
  • CAT — Web Catalog Service
  • SFS — Simple Features for SQL
  • GML — Geography Markup Language

Ad oggi i servizi OGC-sono sempre più di uso comune per scambiare dati geografici fra differenti implementazioni GIS. QGIS ora può gestire tre delle specifiche esposte sopra, SFS (tramite il supporto a PostgreSQL/PostGIS, vedi Sezione Layer PostGIS), WFS e WMS come client.

Client WMS

Panoramica sul servizio WMS

QGIS può agire come client WMS, nel rispetto delle specifiche 1.1, 1.1.1 e 1.3. È stato particolarmente testato nei confronti di server accessibili pubblicamente quali DEMIS e JPL OnEarth.

I server WMS rispondono alle richieste da parte dei client (ad es. QGIS) di una mappa raster di una determinata estensione, con un determinato insieme di layer, simboli e trasparenze. Il server WMS quindi consulta le sue risorse (locali o remote), genera il raster e lo invia al client in formato raster, per QGIS tipicamente come immagini JPEG o PNG.

WMS è un servizio REST (Representational State Transfer) piuttosto che un servizio web completo. Come tale, si può prendere l’URL (indirizzo del server con specifiche) generato da QGIS e usarlo in un browser web per ottenere la stessa immagine che QGIS usa internamente. Questo può essere utile per identificare le cause di eventuali problemi, dato che esistono vari tipi di server WMS e ciascuno ha la sua propria interpretazione degli standard WMS.

I layer WMS possono essere aggiunti molto semplicemente, una volta disponibile l’indirizzo (URL) per accedere al server WMS, una connessione adatta e posto che il server usi HTTP come meccanismo di trasferimento dati.

Selezionare un server WMS

Al primo utilizzo di un servizio WMS in QGIS non sono presenti server predefiniti.

Si può avviare lo strumento cliccando sul pulsante e mActionAddWmsLayer Aggiungi layer WMS nella barra strumenti, oppure sulla voce di menu Layer ‣ Aggiungi layer.WMS....

Si aprirà la finestra di dialogo: Aggiungi Layer da server. È possibile aggiungere alcuni server cliccando sul pulsante [Aggiungi server predefiniti]. Verranno quindi aggiunti due server WMS, il server di DM Solutions Group ed il server di Lizardtech. Per definire un nuovo server WMS nella sezione Layer, cliccare su [Nuovo] ed inserire i parametri di connessione al server WMS desiderato, seguendo le indicazioni della tabella _OGC_1_:

Nome

Un nome per la connessione. Tale nome verrà utilizzato nel menù a discesa di scelta dei server in modo da distinguere i vari WMS.

URL

URL del server che fornisce i dati. Deve essere un indirizzo raggiungibile nello stesso formato che verrebbe usato per aprire una commessione telnet o pingare un host.

Username

Nome utente per accedere un WMS protetto. Questo parametro è opzionale.

Password

Password per accedere ad un WMS protetto. Questo parametro è opzionale.

Ignora URI GetMap

checkbox Ignora la URI GetMap riportata nelle capabilities. Viene utilizzato URI del campo URL precedente.

Ignora URI GetFeatureInfo

checkbox Ignora la URI GetFeatureInfo riportata nelle capabilities. Viene utilizzato URI del campo URL precedente

Table OGC 1: Parametri di connessione WMS

È possibile, se necessario, impostare i parametri di un proxy per ricevere i servizi WMS da internet. Selezionare la voce di menu Impostazioni ‣ Opzioni e cliccare sulla scheda Rete, nella quale è possibile inserire le impostazioni abilitando la casella di controllo checkbox Utilizza un proxy per l’accesso web. Assicuratevi di scegliere il tipo di proxy corretto dal menù a discesa Tipo proxy selectstring.

Una volta creata la connessione al server WMS, essa sarà memorizzata e disponibile per le successive sessioni di QGIS.

Suggerimento

A PROPOSITO DI INDIRIZZI DEI SERVER WMS

Quando si inserisce l’indirizzo URL del server assicurarsi di usare l’indirizzo di base. Ad esempio non bisogna inserire frammenti tipo request=GetCapabilities o version=1.0.0 nell’indirizzo.

Caricare layer WMS

Una volta compilati correttamente i campi, si può premere sul pulsante [Connetti] per ottenere le capabilities del server: in esse sono inclusi i formati immagine, i layer disponibili e i sistemi di proiezione forniti dal server. Considerato che si tratta di operazioni in rete, la velocità nella risposta dipenderà dalla qualità della connessione verso il server WMS. Mentre si scaricano i dati dal server, l’avanzamento dell’operazione viene visualizzato nella porzione inferiore sinistra della finestra.

Il vostro schermo adesso deve essere simile a quello rappresentato alla figura_OGR_1, che mostra la risposta fornita dal server WMS di DM Solutions Group.

Figure OGR 1:

../../../_images/connection_wms.png

Dialog for adding a WMS server, showing its available layers nix

Codifica immagine

La sezione Codifica immagine elenca i formati supportati sia dal client che dal server. La scelta è in funzione dei propri requisiti di accuratezza.

Suggerimento

Codifica immagine

Un server WMS offre normalmente la scelta fra immagini JPEG o PNG. Il formato JPEG è un formato di compressione lossy, mentre il formato PNG riproduce fedelmente i dati raster.

È preferibile utilizzare il formato JPEG per dati di natura fotografica e/o se la perdita parziale di qualità dell’immagine non causa problemi. Questa scelta riduce normalmente di 5 volte il volume di dati trasferiti rispetto al fomrato PNG.

L’uso del formato PNG permette una visualizzazione più precisa ed è da utilizzare se non vi sono problemi per l’incremento dei dati trasferiti.

Opzioni

La sezione Opzioni mette a disposizione il campo testo Nome layer per associare un nome al layer WMS: tale nome apparirà nella legenda a caricamento avvenuto.

Sotto il nome del layer è possibile definire la Dimensione delle tile, (per esempio 256x256) in modo da dividere la richiesta WMS in richieste multiple.

Il campo Limite di elementi per GetFeatureInfo definisce quali elementi del server interrogare.

Selezionando un layer WMS dalla lista appare un campo con il sistema di proiezione predefinito dal server. Se il pulsante [Cambia...] è attivo, allora è possibile selezionare un altro SR fornito dal server.

Ordine dei Layer

La sezione Ordine layer elenca i diversi layer disponibili sul server WMS a cui si è connessi. Si può notare che alcuni layer sono espandibili e questo significa che quei layer possono essere visualizzati con diversi stili.

È possibile selezionare più layer in una volta, ma solo uno stile di visualizzazione per layer. Quando più layer sono selezionati questi vengono combinati dal server ed inviati a QGIS in una sola volta.

Suggerimento

Ordine dei layer WMS

layer WMS caricati sono sovrapposti in base all’ordine in cui sono elencati nella sezione Layer, dall’alto verso il basso. Se si desidera cambiare l’ordine di visualizzazione, usare la scheda Ordine layer.

Trasparenza

In questa versione di QGIS l’impostazione della Trasparenza globale che si imposta da Layer Proprietà... è impostata per essere sempre attiva, se disponibile.

Suggerimento

Trasparenza dei layer WMS

La possibilità di rendere trasparenti i layer WMS dipende dalla codifica tramite la quale sono stati caricati: PNG e GIF gestiscono la trasparenza mentre il JPEG no.

Sistema di Riferimento

Sistema di riferimento delle coordinate (Coordinate Reference System) è il termine OGC per una proiezione in QGIS.

Ogni layer WMS può essere restituito in molteplici SR, in funzione delle capacità del server.

Per scegliere uno dei SR disponibili, cliccare su [Cambia...] per fare apparire una finestra simile a quella della Figura Proiezioni 3 in Lavorare con le proiezioni. La differenza principale è che saranno mostrati solo i SR supportati dal server al quale si è connessi.

Set di tile

Quando si usa un servizio WMS-C (Cached WMS) come ad esempio http://labs.metacarta.com/wms-c/Basic.py si attiva la scheda Set di tile , che fornisce informazioni sulle dimensione, il formato ed il SR dei tile. In combinazione con tale opzione è possibile utilizzare la voce di menu Visualizza ‣ Slider per la scala delle tiles, che mette a disposizione le scale fornite dal server di tile.

Uso dello strumento di identificazione

Una volta aggiunto un server WMS, e se uno dei layer disponibili è interrogabile, è possibile usare lo strumento mActionIdentify Informazioni elementi per selezionare un pixel sulla mappa, determinando una interrogazione verso il server WMS. La formattazione del risultato dell’interrogazione fatta dipende dal server WMS utilizzato.

Proprietà del server

Una volta aggiunto un server WMS, è possibile visualizzarne le proprietà cliccando con il tasto destro sul suo nome nella legenda e selezionando Proprietà.

Scheda Metadati

La scheda Metadati`mostra molte informazioni sul server WMS: tali informazioni sono fornite dal server stesso in risposta alla richiesta di GetCapabilities fatta da QGIS quando si connette ad esso. Molte definizioni possono essere dedotte leggendo gli standard WMS (vediOPOPEN-GEOSPATIAL-CONSORTIUM :ref:`literature_and_web). Qui seguono alcune definizioni utili:

  • Proprietà del server

    • Versione WMS — La versione WMS supportata dal server.

    • Formati immagine — Elenco dei tipi MIME che il server può fornire per disegnare la mappa. QGIS permette l’utilizzo di qualunque formato sia supportato dalle librerie Qt contro le quali è compilato, che sono solitamente almeno image/png ed image/jpeg.

    • Interroga formati — L’elenco dei tipi MIME con i quali il server può fornire risposta quando si usa lo strumento Informazioni elementi. Attualmente QGIS supporta il tipo text-plain.

  • Propertà layer

    • Selezionato — Indica se il layer era selezionato quando il server è stato aggiunto al progetto.

    • Visibilità — Indica se il layer è stato impostato come visibile in legenda. (funzione non ancora utilizzata in questa versione di QGIS.)

    • Può interrogare —Indica se il layer fornisce o meno informazioni se si usa lo strumento Informazioni elementi.

    • Può essere trasparente — Indica se il layer può essere o meno reso trasparente a video. Questa versione di QGIS farà sempre uso della trasparenza se questa voce visualizza`` Sì`` e se il formato immagine la supporta

    • Può ingrandire — Indica se il layer può o meno essere ingrandito dal server. Questa versione di QGIS suppone che tutti i layer WMS abbiano questa opzione settata su ````. Layers carenti in questa impostazione potrebbero essere resi a video in modo anomalo.

    • Conteggio a cascata — I server WMS possono fungere da proxy per altri server WMS dai quali ottengono i dati raster per un certo layer. La voce mostra quindi quante richieste per questo layer vengono inoltrate ai nodi per ottenere un risultato.

    • Larghezza fissa, Altezza fissa — Indica se il layer ha o meno una dimensione del pixel fissata alla sorgente. Questa versione di QGIS assume che tutti i layer WMS abbiano vuota questa voce. Layers con impostazioni diverse potrebbero essere resi a video in modo anomalo.

    • Perimetro WGS 84 — Estensione del layer in coordinate WGS84. Alcuni server WMS non settano questo parametro correttamente (ad es. usano coordinate UTM invece di WGS84). In questo caso sembrerà che la vista iniziale del layer sia ad uno zoom molto ridotto. Bisognerebbe informare di questi errori il webmaster del server WMS, il quale li dovrebbe identificare come elementi WMS XML LatLonBoundingBox, EX_GeographicBoundingBox o SR:84 BoundingBox.

    • Disponibilità in CRS — Sistemi di riferimento nel quale il layer può essere rappresentato dal server WMS, elencati nel formato nativo WMS.

    • Disponibile in stile — Stili visuali applicabili al layer dal server WMS.

Limitazioni del client WMS

Non tutte le possibili funzionalità WMS sono state incluse in questa versione di QGIS. Le eccezioni più rilevanti sono le seguenti.

Modificare le impostazioni del layer WMS

Una volta completata la procedura mostrata dalla finestra mActionAddWmsLayer Aggiungi layer WMS, non è più possibile modificarne i parametri. Una possibile soluzione è quella di eliminare il layer completamente e ricaricarlo reimpostando i parametri.

Server WMS che richiedono un’autenticazione

Attualmente sono accessibili server pubblici e server protetti. È possibile accedere ai server protetti con autenticazione pubblica. Opzionalmente è possibile inserire le proprie credenziali. Si veda Sezione Selezionare un server WMS per i dettagli.

Suggerimento

Accesso ai layer OCG protetti

Qualora fosse necessario accedere a layer protetti con password, è possibile usare InteProxy come proxy trasparente, che supporta molti metodi di autenticazione. Ulteriori informazioni sono fornite dal manuale di InteProxy al sito web http://inteproxy.wald.intevation.org.

Suggerimento

WMS Mapserver QGIS

A partire dalla versione 1.7.0, in QGIS è stato implementato un server WMS 1.3.0. Ulteriori informazioni nel Capitolo QGIS Server.

Client WFS e WFS-T

In QGIS, un layer WFS si comporta come un qualsiasi altro layer vettoriale. È possibile identificare, selezionare elementi e visualizzare la tabella attributi. A partire da QGIS 1.6.0 è, inoltre, possibile editare il layer se il server lo supporta (WFS-T).

Normalmente la procedura per l’aggiunta di un layer WFS è molto simile a quella vista per i WMS. La differenza sta nel fatto che non vi sono server predefiniti, di conseguenza è necessario aggiungere manualmente quelli noti.

Caricare un layer WFS

Come esempio è possibile caricare il server WFS DM Solutions e mostrare un layer. L’indirizzo da inserire è: http://www2.dmsolutions.ca/cgi-bin/mswfs_gmap

  1. Cliccare sullo strumento wfs Aggiungi layer WFS nella barra dei layer ed apparirà la finsetra di dialogo Aggiungi layer WFS da server

  2. Cliccare su [Nuovo]

  3. Inserire il nome ‘DM Solutions’

  4. Inserire l’indirizzo precedentemente indicato

  5. Cliccare su [OK]

  6. Selezionare Connessione server DM Solutions selectstring dal menù a tendina

  7. Cliccare su [Connetti]

  8. Attendere la ricezione dell’elenco dei layer

  9. Selezionare dalla lista il layer Parks

  10. Cliccare su [Applica] per aggiungere il layer alla mappa

Si noti che i settaggi del proxy impostati nelle preferenze vengono riconosciuti.

Figure OGR 3:

../../../_images/connection_wfs.png

Adding a WFS layer nix

Si noti che l’avanzamento della ricezione dei dati viene visualizzato nella parte inferiore sinistra della finestra principale di QGIS. Quando il layer è caricato, è possibile identificare e selezionare alcuni elementi e visualizzare la tabella attributi.

Questo significa che attualmente è supportato solo WFS 1.0.0. Al momento non vi sono stati ancora molti test relativi a versioni di WFS basate su altri server. In caso di problemi con il plugin, non esitare a contattare il team di sviluppo. Si veda la sezione Le Mailing list per ulteriori informazioni sulle mailinglist.

Suggerimento

Cercare server WFS

È possibile ricercare ulteriori server WFS tramite Google o altro motore di ricerca preferito. Ci sono anche diversi elenchi di URL pubblici, alcuni dei quali aggiornati e altri non più manutenuti.